La prima cena!

Ho letto il discorso, del Presidente del Consiglio dei Ministri, Sen. Prof. Mario Monti, tenuto al Senato.   Tono misurato e molte ripetizioni – continuate – della parola “equità”.  Parola quest’ultima che ha da tempo sostituito il concetto di giustizia sociale.   Sacrifici ed equità.
Per obbedire alle 39 domande poste dalla commissione europea! A proposito le avete lette?   In altri tempi sarebbero valse una dichiarazione di guerra!  Per il tono con cui sono formulate.  Per le minacce con cui son poste.  Per il ridicolo dettaglio con cui vengono impartite.   Domande strane.  Vengono infatti impartite.  Per la cronaca, dal liberale finlandese Olli Rehn.   Ebbene il discorso di Monti non va fuori dal seminato delle 39 domande e men che meno se n’adonta come vorrebbe un minimo di soprassalto di dignità nazionale.  Per questo motivo, appare penoso.  Suscita cioè un sentimento di compassione.   Come quando chiarisce che il problema è nostro.  Dobbiamo rientrare nelle compatibilità dettate dal finlandese. Punto e zò.   Come quando chiarisce che per quanto riguarda i grandi patrimoni s’avvierà un monitoraggio, scandendo a scanso d’ogni equivoco: “ho detto monitoraggio”.
Chiaro no?
L’ICI sulla prima casa va reintrodotta mentre ai grandi patrimoni si promette una benevola osservazione.  Non si concede neppure quel pallido simulacro di patrimoniale “per mille” che la Marcegaglia aveva avanzato ai fini di scansare una patrimoniale vera ed efficace.  Equità, bene, bravo.   Vabbè il resto è noto e abbastanza preannunciato e scontato : pensioni, mercato del lavoro,(facendo salvi diritti acquisiti da chi lavora a tempo indeterminato) e project financing per la crescita affidata al patron di Banca Intesa.   Penoso.   Tutto questo, però, non servirà a calmare i bollenti spiriti del signor Spread.   Non so, a questo punto come reagirà l’ex opposizione, specie di fronte ad un redivivo Berlusconi che va all’attacco improvvisandosi nemico giurato di banchieri e finanza. Quegli stessi banchieri e quella stessa finanza che tante volte lo hanno generosamente soccorso nella sua qualità di leader.   Quel poco che so è scritto da una sinistra riformista e moderata : “Un governo autorevole dovrebbe mostrarsi deciso ad effettuare gli interventi più urgenti, ma allo stesso tempo capace di negoziare una modifica dell’approccio europeo alla crisi”.   E già.  Perché qui è il problema che la ex opposizione non ha ancora mai posto a sé stessa e come condizione per sostenere un qualunque governo.   A tal proposito , Barbara Spinelli, nell’avanzare di nuovo il progetto di una federazione europea ha, di recente, messo sotto accusa la classe dirigente italiana per “analfabetismo europeo”.   Solo che la crisi dell’Europa è ormai al suo culmine.
E quando la Spinelli (su Micromega) avanza la necessità di sfruttare le possibilità offerte dal trattato di Lisbona per esigere una nuova Convenzione vien da sorridere amaramente o ironicamente , come volete.   Una Convenzione per “una Costituzione per l’Europa” già si svolse e fu stracciata dagli interessi nazionali di Francia, Germania, Regno Unito.  Strada dunque troppo lunga e resa oltremodo impervia mentre l’Europa si è già rinazionalizzata checché ne pensi (posto che pensi qualcosa che abbia a che fare con la politica) Olli Rehn, membro di un’ impotente Commissione inserita in una troika dove comandano a bacchetta le altre due componenti : BCE e FMI.   Non si riparte mai da zero.   E se l’euro (poiché adesso di questo si parla non semplicemente dell’Italia) è debole in quanto “moneta senza stato”, conviene ripartire dal fuoco della crisi che sta per travolgerlo, magari prima che partano suggestioni tipo un improbabile Neuro e un altrettanto ridicolo Seuro, rispettivamente euro del Nord forte ed euro del sud debole e svalutato.   Conviene che dall’Italia si riporti la crisi laddove è nata.   A Francoforte presso la banca centrale (dove il finlandese è andato a prendere il testo delle 39 domande) e poi anche più in là, di rimando, oltreoceano. E per questa via ripartire per ricostruire l’Europa politica e forse, nei tempi lunghi di keyenesiana memoria, federale.   Ma intanto, primum: vivere.   E dunque costruire un’alleanza politica e statale con quanti, muovendo dalle loro difficoltà, Francia compresa, sentono adesso l’urgenza di tagliare le unghie al capitale finanziario. O almeno iniziare a farlo.  Niente di nuovo naturalmente.   Si tratta di convincere, in un duro confronto la Germania che, peraltro, non si capisce bene cosa avrebbe da guadagnare da un euro a due velocità.  Soprattutto nel caso in cui ne andasse di mezzo il mercato comune.  La Germania esporta il 60 % delle sue merci in questo mercato, vero?
E allora forse margini di trattativa per imporre un diverso ruolo alla BCE ci sarebbero se solo alzassimo la testolina dalle nostre domestiche faccende.   Certo, va da sé che, dobbiamo difenderci con le misure necessarie anche riconoscendo i nostri demeriti.  Ma la sola difesa appare oggi nient’altro che una dfesa in trincea.  Sarà presto aggirata e non solo dai tedeschi che, peraltro, vendono già a man bassa i nostri Bot, ma da quell’entità transnazionale che va sotto il nome di finanzcapitalismo al quale non par vero che la BCE s’incarichi sempre e solo di fare la guardia al bidone di benzina dell’inflazione in tempi di acuta recessione, col bel possibile risultato di ottenere, insieme, inflazione e stagnazione.   Per questo il discorso di Monti appare del tutto inadeguato, dato che non si pone neppure il problema di un cambiamento dell’approccio europeo alla crisi in atto.   Non c’è da stupirsi.  Non è nelle sue corde, nella sua cultura, nelle sue convinzioni.   Un liberista dirà sempre che la crescita s’ottiene spianando ostacoli sociali.  Tagliando i residui lacci e lacciuoli per scalare la montagna del debito.  In questa visione, il mercato s’incaricherà sempre da solo di autoregolarsi.  Solo che si tratta di una mera illusione.   Ed è sotto gli occhi di tutti.   In conclusione, con il governo Monti si tiene la testa bassa cercando di ripulire il cortile di casa.  Troppo poco per convincere e vincere il signor Spread. Dato che la posta in gioco, ormai, non è l’Italia bensì l’Europa.   E meno male che oggi qualche gruppo di giovani ha protestato per le strade a fronte di un centrosinistra intorpidito dall’indubbia vittoria del terzo polo nella formazione del governo Monti.
Vuoi vedere che alla lunga, (fine legislatura) ci toccherà assistere, contro ogni legge della fisica, al paradosso gravitazionale di un pianetino che attrae a sé, disintegrandolo in parte, un pianeta di massa molto maggiore?
Annunci

75 pensieri su “La prima cena!

  1. Ovviamente è semplicemente un’opinione.
    Cordialità.

    PS: oggi siamo stati presso una carinissima cittadina delle Marche in riva al mare ed era un pomeriggio sereno se non fosse stato per un’emergenza.
    Quella sensazione di serenità e di realizzazione vissuta e respirata la augurammo alla nostra povera italia disastrata
    Cordiality

    Mi piace

  2. Oh Milord, sono approdata nel nuovo mondo e sei già all’opera.
    Un article interessante.
    Anche da qui, in France, lìimpressione è quella che tu scrivi e credo che il Presidente Sarkozy, in questi giorni, abbia poco da sorridere. I sondaggi lo danno messo male molto. La sua politica estera non è accettata dai france.
    Bello ptere ritornare.
    (Senza l’aiuto del mio amico Bertrand, credo, che non sarei arrivata neanche al bottone finale.).
    Mi sta sistemando anche il mio Blog.
    Speriamo.

    Un bacio e un saluti per tutti.
    (Sto vedendo, di fianco chio si trova qui. Sono felice.)

    Au revoir mon trésor.

    Bisous

    Annelise pour toi

    Una cittadina delle Marche, milord?
    Scommetterei con una signorina?
    Buon giorno

    Au revoir

    Mi piace

  3. Spero che tutto sia andato aposto, mon Trésor.
    Becaup bisousssssss…

    (Sto ridendo come non mai, mon amour) ….

    Annelise pour toi

    Ti sei perso?
    Cosa avrà di speciale in questa cittadina?
    L’incontro con il fato?
    Con la donna della tua vita?
    E dovevi andare in una cittadina delle Marche?
    In Francia no?
    ahahahahaha
    🙂

    (PS: PS: Etes-vous sûr que la personne que vous parlez n’est pas notre ami Joan? ah ah ah (sourire)

    Annelise

    Mi piace

  4. Eccomi che Vi ritrovo Milord… E’ stata cosa gradita il Vostro passaggio dalla mia umile dimora.Vi aggiungo fra i link. Purtroppo splinder chiuderà, così io rispolvero il mio vecchio profilo di worpress che lasciai. Sono approdato anche su iobloggo,per mantenere i contatti con altri amici che hanno scelto quella piattaforma.
    A presto Milord e felice sera

    PS: una cittadina delle marche?
    Quale sarà?

    Buona giornata

    Mi piace

  5. Le ultime cinque legislature saranno ricordate come il Ventennio berlusconiano: Silvio Berlusconi è infatti riuscito, sia da capo del governo che da leader dell’opposizione, a dettare la propria agenda di priorità. A questo atteggiamento la sinistra non ha saputo far altro che opporre delle risposte ondivaghe: a volte attraverso un antiberlusconismo intransigente, gridando al “regime”, e giudicando Berlusconi un “politicante” inadeguato a guidare il Paese; altre volte offrendo un’ambigua disponibilità a creare insieme regole condivise ma uscendone sempre sconfitta. Questi comportamenti si sono rivelati inadeguati dopo la vittoria elettorale del Popolo della libertà alle elezioni del 13 aprile 2008. Da quel momento si è aperta una nuova stagione: Berlusconi ha costruito un blocco elettorale solidissimo.

    A me sembra che il popolo italiano dal ’94 abbia confuso il berlusconi(smo) con Berlusconi lo Statista”. Quando parlo di “popolo” non mi riferisco solo all’elettorato, ma anche ai partiti e af-Fini. Gli “ismi” sono delle semplici teorie discutibilissime, la prova del nove e’ la loro efficacia. Non bisogna essere un filosofo per capirlo, si chiama pragmatismo, anche se a volta in politica puo’ essere un concetto ambiguo, se i risultati sono omessi o taroccati. Detto cio’, mi auguro di non essere uscito un po’ troppo fuori dal mio metodo semplicistico di trattare la politica. Qui purtroppo bisogna giudicare lo Statista, ossia la carica istituzionale, che ha coperto e copre. Silvio Berlusconi, diciamolo senza mezzi termini, non e’ mai stato un politico serio e “pragmatico”, inteso come quarta carica istituzionale piu’ alta dello Stato. Il suo antistuzionalismo e’ noto a tutti.
    Io lodo la sue “freschezza”, Dottore, nel descrivere in modo rapido, uno status quo che fa pensare ora alla padella, ora alla brave.
    Difficile esimersi dall’analizzare uno stato, un incarico che stonano nei preamboli e non danno spiragli alcuno.

    La seguo sempre e come vede, non senza qualche difficoltà a raggiungerla, presso la sua nuova casa.

    Congratulazion a lei e a quanti, del gruppo Splinder, l’hanno seguita.

    Buona serata.
    PS: anche a me piacciono le Marche.
    Se lei ha ritenuto parlarne, evidentemente caro dottore c’é un incontro con il destino.
    Lei ha la mia massima considerazione

    Amedeo

    Mi piace

  6. caro Ninni un argomento bellissimo, ma adesso voglio fare riferimento a quella cittadina di cui parli.
    A Fano.
    E non riesco a fartela ricordare.
    Si, ti ringrazio, la tua dolcezza e signorilità mi ha aiutata e pubblicamente devo ringraziarti.
    Il tuo impegno il tuo essere presente con quell’educazione mi commuovono fino alle lacrime.
    Tu che per me, (lo dico a tutti, mi ha aiutata in un momento particolare) hai affrontato una situazione particolare, sei meritevole di tanto.

    Ti ho apprezzato tanto quando, davanti al teatro della Fortuna mi hai parlato dei miei bambini e dell’impegno in un bisogmo che possa essere un affetto, senza “stranezze”.
    Ti ringrazio amico grande, amico mio.
    Sarei rimasta senza fiato…
    Nulla mi hai chiesto se non la tua preoccupazione per i miei bambini.
    Grazie Ninni, no lo dimenticherò mai.

    Katia

    PS: E’ vero, era proprio brutto quel cancello con il tetto spiovente.
    🙂

    ah ah ah
    Vorrei tanto che mio marito potesse parlarti!
    Ciao

    Mi piace

  7. bellissimo e confortante sapere che sei qui.

    Ninni è un grande uomo dal cuore immenso, ma dai principi rigidissimi.
    Lo ammiro proprio per questo.
    Un uomo affascinante.
    Grazie.
    Un saluto a te Katia che bella cosa hai scritto
    Ciao

    Mi piace

  8. Si va bene , ma quale è l’alternativa politica ( e soprattutto economica) QUI e ORA al governo Monti? Qualcuno crede veramente che il default sia una soluzione?
    Dopo il regime di Mussolini ci fu il governo Badoglio non un governo Togliatti Nenni ,se non erro.
    Almeno non c’è più l’incapace ( e criminale ) di Arcore.
    Certo il Terzo polo si rafforza molto , ma potrebbe ,conquistando l’egemonia sui “moderati” essere la premessa perchè di qua si costruisca uno schieramento socialista e democratico di tipo europeo, a patto di saper fare politica ovviamente……

    Ciao Ninni Milord, felice di ri-esserci, in attesa di altri arrivi.
    Buona sera Katia Ciarrocchi, hai avuto la più grande fortuna: essere aiutata dal milord. Una mano benedetta
    Buona sera madame Annelise 🙂

    Mi piace

  9. ah ah ah, ho fatto il gradimento e ci ha messi “accanto”….
    Uau Milord!
    🙂

    Manuela

    Ma come, te ne vai nelle Marche nella prima cittadina a mare (scusa ma non eri a Pesaro?) e mi abbandoni a Milano?
    brutto

    Ciao Katia, auguri

    Mi piace

  10. Madame Annelise
    Conosciamo, ampiamente, le difficoltà del “Vostro” Presidente Monsieur sarkozy.
    Alcune politiche avventate, di stampo (forse, ma è una nostra opinione) neo colonialista aggressionista), gli sono costati il placet della media borghesia.
    Quella borghesia di maniera che, tanto tempo fa, abitava la rive Gauche e che adesso è trasbordata su un comodo “vaporetto” lungo i canali della senna, per vedere “di nascosto l’effetto che fa”.
    Come voler “fare” i non razzisti di comodo: “Non è vero che sono razzista, è lui che è negro”.
    Grazie per esserci, mia Signora

    Cordialità

    Si grazie un pomeriggio intenso e risolutivo per una mia carissima amica.
    Questa cittadina, alternativa alla città più brutta che abbia mai visto, mi sembra come l’Eden.
    Non tanto per come è strutturata, è carina ma nulla di speciale, ma per quella sensazione di benessere, di realizzazione.
    Come se ci dovesse essere e trovare l’unico, il solo e vero amore della propria vita.
    Non so se sono riuscito a rendere l’idea

    Mi piace

  11. @ Madame Annelise crediamo si trattò di un incresciosco incidente, forse dovuto alla nostra trasmiigrazione che, alla lunga, sua comportando una “trasfigurazione. Credeteci sulla parola.

    Cordialità

    Si esiste nelle nostre menti e nelle nostre anime la voglia di trasmigrare.
    Se potessi trasmigrerei in quella cittadina.
    Grazie

    Mi piace

  12. @madame Annelise

    Siete pestifera, Madame.
    No, abbiamo modo di ritenere che non si tratti della Vostra “amica di sempre” Lady giovanna.
    Cordialità

    Perché dite in Francia?
    Una nazione che per dire “novanta” si esprime in quattro volte venti-dieci…
    No no, per carità, preferimmo la cittadina marchigiana.
    Nulla di eccezionale, ma sentimmo di starci bene. Come se avessimo trovato una di quelle lande cantate dai Bardi celtici (Ricordiamo che noi siamo Bardo e maestro di spada) la nostra Sylvania.
    Una Sylvania che, in un cinquettio gentile, si sia posato sul cuore

    Mi piace

  13. @Madame Annelise

    Anche a noi, mia Signora, ci sarebbe tornato utile un “amico Bertrand”.
    Voi siete in Francia e noi siamo ben lontani da Voi e da Bertran.
    In contappunto Vi scriviamo, tramite smartphone dalla piazza principale di questa cittadina. E’ divina milady, il passeggio, le signore, il gelato, e quella fortuna di un teatro che, lo sentimmo, porta fortuna a passarci davanti.
    Un grazie ad entrambi, ma noi stiamo bene qua.

    Cordialità

    Mi piace

  14. @ Lord Dany

    Ci rendete onore esclusivamente con la Vostra presenza.
    Il Vostro invito giunse gradito e magniloquente la Vostra indiscussa generosità.
    Vi ringraziammo, con calore, per le Vostre generose espressioni lasciate alla nostra umile persona.
    Nel contempo Vi affidammo le nostre preziose cordialità.

    Grazie!

    Mi piace

  15. @ Sir Spillo

    Con immensa gioia Vi vedemmo presso queste stanze.
    Grazie, anche a Voi, di esserci.

    E adesso, come due vecchi amici, diamoci del “Tu”….(Casa nuova, vita nuova: non siamo qui a pettinare bambole!

    Con sta storia dell’alternativa uno dovrebbe sempre starsene zitto!
    In ogni caso l’alternativa è esattamente quella di cambiare politica e mettersi nella testolina che non si balla da soli in Europa.
    Mi par d’averlo scitto in chiaro? E allora vogliamo cominciare ad alzare la testa per apprezzare l’intero panorama e agire di conseguenza, oppure stiamo qui a spazzar il cortile con la logica dello struzzo?
    PS . Quello di Arcore c’è ancora. E questo è un altro problema che dovrebbe portare ad invertire una linea di totale passività. Quanto al terzo polo il disegno è emerso, anche, a Todi , non son certo in campo per fare un centrosinistra. Sono avvelenati all’idea di toglier di mezzo per sempre il bipolarismo e ricostruire un grande centro, Cattolico, Apostolico e Romano .

    In questo momento mi trovo su un lungo mare bellissimo.
    Una passeggiata splendida.
    Ci prepariamo alla cena
    Grazie

    Mi piace

  16. Per Spillo

    Risposta in breve: indietro non si torna semmai ti ci spingono, ma in quel caso l’Europa è finita.

    Non riusciamo ad essere cattivi questa sera.
    Serenità e voglia di esserci.
    Stiamo sentendo una forza interiore bellissima, come di un amore perduto e ritrovato.
    La cosa più grande e più bella della nostra vita

    Voi Sir Spillo certe cose non potete capirle

    Salutazioni

    Mi piace

  17. Scusa Ninni –

    Ho letto le 39 domande. Così come ho letto la lettera d’intenti presentata dal governo Berlusconi alla quale le domande si riferiscono.
    Dinnanzi al nulla cosmico rappresentato dalla lettera qualsiasi persona dotata di buon senso e non disposta a farsi prendere per i fondelli avrebbe preteso chiarimenti.
    Come italiano mi sono sentito umiliato non già dalla pignola richiesta di chiarimenti – ricordo che alcuni esponenti del centro-destra di casa nostra hanno reclamato persino l’intervento del ministro degli esteri – bensì dall’essere stato rappresentato da un governo che si presenta in Europa in un momento delicato e difficile per il nostro Paese con una lettera simile.

    PS: non posso capirle direttore?
    Non ti ho mai letto così sereno. non mi dire che hai trovato la donna della tua vita perché smentiresti te stesso.
    Ma te lo auguro.
    Ma non è che ha a che fare con la tua Sylvania ritrovata?

    Mi piace

  18. Spillo,
    E’ iniziata la recessione mondiale.Le turbolenze dei mercati innescate dalla speculazione contro l’euro hanno giocato un ruolo non secondario.
    In assenza di un progetto di rinazionalizzazione ,le residue strutture produttive italiane sono destinate all’estinzione.
    Ciò che residua dalla grande svendita iniziata nel 1992, rischia d’esser acquistato a prezzi di saldi. Come dice il capo della agenzia di rating cinese: “non siamo interessati ai Bot, o alle infrastrutture , con riferimento all’Italia, siamo molto interessati invece a far shopping su energia (ENI ) e su altri settori teconologici”. Ma immagino non siano solo i cinesi ad essere interessati…..

    In ultimo, ma non per ultimo:
    Dal punto di vista dell’Italia, come paese, stato e nazione, a me ha colpito di più la lettera del finlandese piuttosto che la genericità e la pochezza (scontata) della risposta di Berlusconi al primo monito della BCE.
    Perchè vedi chi ha scritto quei 39 punti ha approfittato con un’arroganza senza freni inibitori (cosa mai successa prima) della debolezza e vacuità di un Governo immobile, ormai, da mesi. Ma non credo che l’ex Presidente del Consiglio fosse il solo bersaglio. Un “governo d’impegno nazionale” come quello che Monti accredita con la sua “autorevole figura” dovrebbe trovare le parole, diplomatiche al punto giusto naturalmente, per prender le distanze dal “metodo brutale” con il quale viene trattata l’Italia. L’avesse fatto, anche solo per cenni criptici, l’avrei notato positivamente.
    Del resto sarebbe stato anche il modo migliore per smentire complotti.
    Non trovi?
    Grazie

    La mia Sylvania?
    Insomma, la facciamo anche bionda e siamo a posto.
    La bionda Sylvania: si suona bene.
    Ecco l’unico amore della nostra vita.
    Spillo spillo a fantasia siete messo bene.
    Deve nascere la Sylvania che ci incapretta…
    🙂

    Mi piace

  19. Mi avete fatto ricordare che …

    Quando sono arrivato, ho trovato porte e finestre chiuse con assi inchiodate e per un’ora ho cercato inutilmente di entrare. La casa è in sfacelo. Dappertutto c’è polvere e i mobili stanno andando in pezzi. E’ come se da un secolo nessuno l’avesse abitata. Devo essere stato via per molto tempo, lontano da Fortezza. Ma come ho fatto a “vivere” tanto a lungo, mentre succedeva tutto questo? Si, lo so, vivo a Bologna, ma quà manco da …. non lo so! Quanto tempo è passato?
    Devo trovare uno specchio. Ce n’era uno lì, su quella parete, ma non lo vedo più. Non importa, basterà un po’ d’acqua in una ciotola. Come mai non c’è più uno specchio in casa? Mi piaceva specchiarmi, avevo un volto fine e aristocratico. Ora sono cambiato. Il mio volto è di poco più vecchio, ma gli occhi son duri, le labbra sottili, tirate, rosa profondo e tutta l’espressione non è piacevole. Quando sorrido, i muscoli tendono a contrarsi in un ghigno strano, prima di riprendere il mio solito sorriso. Piaceva molto il mio sorriso; a mia sorella anche. Già, mia sorella. La vedo mentre, sorridendo, tende la mano verso la Mamma per dirle… Ma la Mamma non c’è più.

    Anche mia sorella non c’è più. Devo dormire. Faccio fatica a tenere gli occhi aperti, ma devo arrivare al letto. Sono più stanco di quanto credessi, perchè è quasi l’alba e la stanchezza quando è tanta genera sempre incubi. Adesso sono svaniti, ma devono essere stati orrendi, a giudicare dalla profonda impressione che mi hanno lasciato. Lo specchio: eccolo.
    Cristo, rivedo tutta la stanza illuminata dalla luce fioca dell’alba mentre spegne le ultime ombre della notte.

    Anche li su quel divano di cuoio marrone dove c’è la Mamma e mia sorella che mi salutano, sorridendo. Mi volto di scatto e l’immagine dello specchio diventa la vera realtà: Quel divano è vuoto; vuota è la stanza; vuota la casa.
    Rimane un ferro da lana ed un vecchio libro di preghiere accanto una rosa appassita. Ninni puoi accendere il riscaldamento?

    Per piacere; ho freddo, tanto freddo …
    Si Mammina.

    Buona notte e copriti.
    Fuori fa freddo, tanto freddo.
    Cordialità, nostra preziosissima Signora …

       Buon tempo e cattivo tempo,   non fecero mai “un tempo”!
       il “Buon tempo verrà” …

       (Sir George Gordon Byron)

    Cordialità

    Mi piace

  20. Eccomi Milord,
    e per utilizzare un termine ampiamente condiviso, Approdata ad una nuova Riva, ad un rinnovato universo che mi auguro; possa segnare un rinnovato Cammino.

    Anche qui si respira quell’aria che rendeva Unica, la possibilità di esprimere idee e sentimenti senza l’imbarazzo dell’opinione non condivisa.
    Anche Qui è “Casa”

    Per quanto riguarda l’articolo, mi riservo di leggere con accuratezza e con più attenzione, prima di esprimere un pensiero … sempre che riesca a capire ciò che ci sta succedendo … ogni giorno è come vivere sballottati da un grafico che cola a picco, ad una borsa che fa acqua e che non si riesce a riempire, se non con portafogli ormai al collasso.
    Siamo messi ” Maluccio ” e se posso permettermi di sottolineare un fatto che ha contribuito ad acuire una sorta di malcelata inquietudine; l’Impassibilità Irremovibile del signor Monti … bè … mi spaventa oltremodo, quella compostezza, quel tono di voce sempre così pacato … mai un ciglio fuori posto, mai un cenno di umana incertezza. So di parlare da perfetta Ignorante ( in quanto ignoro e so di farlo … la Gravità e la delicata situazione entro cui quell’uomo si trova a dover fronteggiare ) eppure quel Signore a me … comunica un Brivido Funebre.

    speriamo solo di non assistere presto all’Elogio Funesto dell’Italia; al suo Commiato … dal compianto mondo dei Devastati ( e Mal sopravviventi … ) alla Signora Crisi.
    ___
    Un Caro saluto a Tutti gli amici RiTrovati,
    Annelise … :o)
    Spillo
    Luis
    Amedeo
    e a Danysweet che ho letto quà e là
    ___
    e a Te Milord, un Rinnovato Grazie per ogni Passo
    ed ogni Nuovo Giorno per la Tua Sylvia ritrovata e per quel grande amore che ti auguro, sotto la protezione della Grande Madre

    I Miei Rispetti

    Ni’Ghail

    Slàn

    Mi piace

  21. Don Amedeo
    Ovviamente condividiamo il Vostro assunto.
    Là dove lo “statismo”, mai raccontato, ma celato da condizioni di opportunità, là dicevo è iniziato l’oscuramento. Un’oscuramento che (ci augurammo di no) precede un oscurantismo delicato e triste: i destini di una nazione. Putroppo in questa nazione … ci abitiamo, soffriamo e cresciamo.
    Ben vengano, allora, i salvatori della patria e i “refusi” dietro l’angolo.
    Non credemmo, però, confacente alcuna disputa, anche democratica. le liti continuano e il “Titanic” affonda. Era inaffondabile, ma andò giù!
    In questo momento, secondo una icona storiografica, è affondata la prima parte della nave, anche se la seconda galleggia.
    Speriamo che le scialuppe, questa volta, siano in numero sufficiente.
    Grazie

    Vi ringraziammo per le espressioni auguranti

    Mi piace

  22. Il Financial Times prova a gettare ombre sul neoinsediato governo Monti, tuttavia il presidente della Camera, Gianfranco Fini difende il premier italiano.

    Il quotidiano finanziario attacca il piano per la crescita del presidente del Consiglio, defiendolo poco chiaro “nell’ombra”. A queste critiche il leader di Fli ha risposto in un’intervista al Gr3: “Già entro la prossima settimana arriveranno i provvedimenti noti – ha detto Fini – Non c’è nebbia ma la necessità di fare le cose bene e non solo in fretta, per cui serve qualche giorno”.

    Nell’editoriale apparso sul Financial Times, inoltre, si legge che “gli italiani che hanno riposto fiducia in lui (Monti ndr) stanno diventando un po’ nervosi”, dopo che “in cima all’agenda di un atteso cdm c’è stata la discussione di accordi bilaterali con le Mauritius e le Isole Cook e una legge per fermare dannosi sistemi antivegetativi sulle barche i cui effetti prevedono la crescita di organi genitali maschili sulle conchiglie di mare.

    Critico e caustico il commento del Financial Times sul «battesimo di fuoco» del premier Mario Monti. «Mentre tutti aspettano di sapere dove cadrà la scure di bilancio, non c’è ancora chiarezza sulle misure di emergenza pianificate». E il comunicato ufficiale del Cdm «ha fatto poco per aumentare la fiducia.

    Già, sembra quasi che la logica non voglia, assolutamente, essere figlia della speranza.
    Un abbraccio Ninni….

    Mi piace

  23. Lady Nighail,
    (grazie per l’intervento e per la visita gradita)…
    Effettibamente, dalle Vostre parole, verrebbe alla mente, che so, “un Becchino”?
    L’augurio che la Grande Madre si possa degnare di farmi incontrare una biona Sylvia ci solletica.
    Per come lo concepimmo, milady, state parlando di una donna inesistente.
    Dovrebbe avere troppe caratteristiche fuori dal comune..

    Grazie e Cordiaità

    Mi piace

  24. Frau Hilde Strauss, mein gern gesehener Gast,

    Per definire il governo Monti ,efficiente,giusto ed adeguato bisognerebbe paragonarlo al governo di “coloro che si sono saggiamente limitati a ciò che appariva loro come possibile,e che per questo non sono mai avanzati di un solo passo”espressione che Giancarlo Mazzucca associa al governo Berlusconi.

    Avere al governo un tecnico dal quale tutti si aspettano molto ,favorisce sicuramente una buona partenza ma alcuni ritengono che quella di Monti sia una sorta di “mission impossible”visto il rischio di recessione addirittura dell’intera Europa. Bisognerebbe quindi stringere il cappio intorno all’economia e tassare non più gli stipendi delle persone comuni che arrivano a stento alla fine del mese ma sottrarre del denaro agli stipendi d’”ORO” dei politici che arrivano addirittura a spegnere le telecamere durante le loro riunioni per nascondere quello che ormai è più che evidente; infatti il massimo di persone che solitamente prendono parte ai dibattiti sono 10.deputati su 600,cosa a dir poco vergognosa e da penalizzare.

    C’è comunque chi si oppone al governo attuale approvando il NO della Lega e del Pdl. Gli studenti, in particolare, continuano a dire no alla crisi economica mondiale. Alcuni per protesta hanno mostrato cartelli come:”Né 3Monti né Monti”,altri come è accaduto a Bologna ,mascherati da Anonymus, hanno tracciato con la vernice delle “V” per vendetta.

    La protesta si è estesa anche a Napoli e a Milano dove è degenerata tra flash mob, pomodori e uova…

    Una bionda Sylvia?
    sarebbe epocale anche se il nome ci piace.
    Grazie e buona giornata

    Was soll ich sagen, meine Dame?
    E’ triste, ma darVi ragione, è poco!
    Danke für Ihren Besuch und wir sehen uns!

    Mi piace

  25. Eccomi di nuovo da Voi caro Milord…
    La situazione europea è critica, non solo quella economica. Mi riferisco alla mancanza di unione politica, che doveva avvenire dopo la stesura e ratifica della famosa costituzione. Se non sbaglio, tutto si è arenato, tutto fermo… Forse perchè nessuno la vuole veramente. D’altronde, seriamente, come si fa a mettere insieme nazioni che hanno storie diverse alle spalle. L’UE nasce, mi pare, per cercare di evitare ulteriori conflitti, dopo la seconda guerra mondiale, infatti le prime nazioni che la formano sono la Francia e Germania, nemiche sia nel primo che nel secondo conflitto. CECA si chiamava il primo abbozzo di unione europea, poi naturalmente cambiò nome, quando entrarono anche altri paesi. Nasce dunque per questo scopo, almeno inizialmente, poi dopo venne in mente a qualcuno la grande idea di creare una moneta unica, prima chiamata ecu poi euro, coniata da una banca privata, quale è la BCE di Francoforte. Sono sicuro che questo già lo sapete Milord. Cosa penso che accada dopo? Forse torneremo al punto di partenza. La crisi in europa è scaturita a mio avviso dalla mancata ratifica della costituzione, è da qui che parte tutto, anche se poi dobbiamo sommarla a quella economica generale… Insomma siamo messi male..
    Vi porgo i miei saluti Milord estesi anche a coloro che transitano da queste parti.
    Vi ringrazio Lady Nì Ghail per il pensiero.

    Un caro saluto anche alla tua Sylvia

    Mi piace

    • Naturalmente per commentare bisogna fare i salti mortali!
      Va beh.
      Governo reazionario, con un elemento come CP che è un emerito mascalzone!
      Poi rimpiangeranno Silvio.

      PS: Chi sarebbe questa bionda Sylvia?
      Giusto nelle Marche? Ma perché a Como vi va schifo milord?

      😀

      Mi piace

      • Lady Alessandra Bianchi
        Mia Signora,
        Vi risponderemo (anche se non esiste risposta alle vostre, felicissime, affermazioni) più in giù.
        Grazie a Voi e Cordialità

        A Como? E da chi?
        Non avemmo alcuna interazione o relazione da quelle parti.
        Meglio qua con un brodetto fenomenale

        Mi piace

    • Lord Dany
      eccoci da Voi.
      Effettivamente avete scritto bene e soprattutto avete sottolineato uno degli aspetti più negativi: la mancanza di coesione dettata da una Costituzione.
      Un fatto, assai, grave per una moneta al di sopra delle nazioni e creata per una federazione, unione, (chiamamola come ci pare) che è inesistente.
      C’era stato un tentativo, un bel po’ di tempo fa, ma Francia, Germania e Gran Bretagna fecero naufragare tutto!
      Rimasero le belle parole e tanti soldi messi in una Comunità, a scopo preventivo e fondante. Soldi presi da tutti i contribuenti e “mangiati” da lorsignori seduti ai tavoli del potere.
      Non vorrei fare il demagogo, ma quando la fame è fame, sono i poveri che pagano!

      Vi auguro una serena serata e tante Cordialità.
      Grazie a Voi e al vostro buon cuore …

      Mi piace

  26. Buonasera a voi Milord. Buonasera a chi ritrovo con piacere.

    Milord Ninni, ho letto questa nuovo articolo, che va oltre le parole.
    Volente o nolente, come Voi, ho ricevuto l’invito a partecipare al matrimonio riparatore della nostra vecchia e cara Italia. Con chi si vada a maritare, ancora non è ben chiaro, ma so che ci dovremo impegnare un bel pò, perchè la lista di nozze ha un valore di almeno 25 miliardi di euro. Dalle varie chiacchiere che ho sentito in giro, credo che il banchetto sia alquanto spartano, la chiamano “nouvelle cousine” e lo chef è un tale Supermario Monti.
    Dal suo curriculum vitae, si evince che sia pratico di pastoni, pasticci e affini; professore di economia, quindi rettore e infine presidente dell’Università Bocconi, chef e capo del governo ha ricoperto in passato molti ruoli tecnici all’interno di diverse commissioni parlamentari, in particolare negli anni Ottanta. Poi, il salto nella Ue, dove è stato commissario europeo per un decennio, dal ’94 al 2004, sia con il primo governo Berlusconi sia con il successivo esecutivo D’Alema. Rilevante, in questo periodo, il suo impegno nell’antitrust, con l’episodio del 2001 che vide il nostro rinomato chef Monti protagonista dello stop alla fusione tra i colossi General Motors e Honeywell. Terminata la sua esperienza come commissario, nel 2005 diventa International Advisor per Goldman Sachs, una delle banche più grandi e potenti del mondo. Ecco quindi il primo segnale del grande legame tra l’economista e i poteri forti della finanza mondiale. Un quadro che sembra trovare conferma nel ruolo (ricoperto in passato) di presidente europeo della “Commissione Trilaterale”, che è un’associazione privata, fondata nel 1973 da David Rockefeller e da un gruppo di “illuminati” cittadini Nord Americani, Europei e Giapponesi con la finalità di offrire ai soci un forum permanente di dibattito per approfondire i grandi temi comuni alle tre aree interessate, diffondere l’abitudine di lavorare su un piano di parità..(http://www.trilateral.org/ ) Fonte web.
    E comprendo i “tagli” alle portate che lo chef si appresta a fare, al fine di raggiungere il pareggio di bilancio entro il 2013. Perchè il nostro chef, è preoccupato per noi e non vuole che ci si possa abbuffare. Anzi, una sana dieta a base di microscopici bocconcini, avanzi e briciole, male non farà alla nostra già emaciata e debole forma psico-fisica. In questi giorni, cuochi, cuochetti e lavapentole, sono febbrilmente al lavoro per trovare la strada giusta per far quadrare i conti.
    I testimoni saranno i signori Merkel-Sarkò. Il nostro chef-premier, proprio oggi, ha avuto un incontro a Strasburgo per un faccia a faccia con la cancelliera di ferro e col presidente francese, per dire loro che il menù, fatto sostanzialmente di 39 piccole portate è ormai in fase di ultimazione. Gli ingredienti sembra ci siano tutti per far sì che questo importante passo si compia fino in fondo. Ecco che con un bel pò di sacrifici, una dieta fatta di sangue e sudore estratto da quegli italiani che null’altro hanno da dare, uno chef nuovo di zecca, una coppia di testimonial d’eccezione e una “eurobond” all’ultimo grido, la nostra “beneamata” e vecchia ITALIA, potrà finalmente vestire l’abito candido della “Virtuosità” e dimenticare gli anni bui del zitellaggio imposto… Ma mi chiedo una cosa Milord…. che sia l’invito a un gaudente banchetto di nozze o l’invito a un buffet post funzione funebre?.
    Terrò pronto un abito scuro, un fazzoletto per raccogliere le lacrime e una manciata di vecchie mille lire.

    Lascio a tutti i miei più cordiali saluti, mi scuso per i refusi e la prolissità del commento.

    Mi piace

    • Lady Emma Vittoria
      Avete scritto un pezzo che ha dato uno “Spaccato” in modo segnato e intelligente.
      (Ispiraste, a tal fine, anche la vignetta in “Testata”, a proposito di Chef).
      Il pasticciaccio brutto, mia Signora, è stato fatto sparire! Al suo posto abbiamo, in risposta ai 39 schiaffoni, 39 pedate nel sedere!
      l’ultima a morire, però, è sempre la speranza…

      Si vedrà..
      Nel frattempo, estendemmo, anche a Voi, la lettura di un nostro “brevissimo commento”, ovviamente in risposta “corale” ai dibattiti appena accesi.

      Vi ringraziammo e augurandoVi una serena serata, Vi lasciammo le nostre Cordialità…

      Mi piace

    • Lady Giovanna ,
      che piacere riceverVi presso questa umile dimora.
      Siamo tra amici ma, soprattutto, parliamo! Questo è molto importante, sapete?
      Dona e regala sapore alla vita e oltremodo, non ha prezzo!

      Abbiate le nostre Cordialità e grazie.

      Abbiamo dato milady, altro che Sylvania. Non ne esistono

      Mi piace

  27. Non sono in grado di scrivere, ma mi sono fatta un’idea.
    Sto imparando tanto, lord Ninni e mi sono riletta l’articolo più di una volta. Ne parlerò in casa. Mi pacerebbe saperne di più.
    PS: Bella la “Cattiveria della Sera”.

    Buona sera a tutti
    Un bacio

    Eleonora

    Mi piace

  28. Caro Ninni, carissimo amico mio,
    Eccoci di nuovo a interloquire con fatti che rendono il presente più vero e reale.
    Pur essendo (in parte) d’accordo con quanto asserisci: la reazione, anche criptica, davanti ai 39 schiaffoni che ci sono stati elargiti, vorrei sottolineare, anche, un altro aspetto si merito.

    Anzi: In tutta franchezza, trovo abbastanza fastidiosi i toni “cortigiani” con cui tanti giornali (i media in generale) hanno descritto i primi giorni del nuovo premier: tutto inappuntabile, tutto immancabilmente sobrio e misurato, tutto preciso e lontano dai riti nefasti della politica del passato. Per magnificare l’efficienza del nuovo esecutivo, ieri, un grande quotidiano ha voluto sottolineare con una certa enfasi come la riunione del Consiglio dei ministri per la scelta dei sottosegretari fosse durata “solo” poche decine di minuti, dimenticandosi però di ricordare che, a causa delle trattative più o meno riservate in corso, la stessa riunione era iniziata con ben un’ora e mezza di ritardo. Dettagli, naturalmente.
    Sia chiaro: soprattutto di questi tempi, la sobrietà dei comportamenti in un uomo pubblico è una qualità importante. Ma credo che un Presidente del Consiglio vada giudicato e promosso per i risultati della sua azione di governo piuttosto che per il taglio del loden che indossa o per la compostezza (comunque sempre apprezzabile) dell’eloquio. Insomma, mi si passi la battuta: non basta essere diversi da Berlusconi per meritarsi il titolo di statista.
    Allo stesso tempo trovo incomprensibile l’atteggiamento di chi sembra lì solo per aspettare Monti al varco e coglierlo in fallo. Alcuni di costoro, per esempio, hanno già cominciato a lamentare una presunta, eccessiva lentezza del nuovo governo che, in carica da un paio di settimane, non avrebbe ancora fatto nulla. A questi critici per partito preso andrebbe ricordato che, per esempio, è meglio attendere una settimana in più prima di varare una manovra economica complessa e delicata, piuttosto che annunciarla per poi doverla correggere o rifare due-tre volte com’è accaduto la scorsa estate. E come speriamo non debba accadere più.

    Devo sottolineare, però, che il tuo assunto caro Ninni si basa su fatti e dati concreti.
    Quindi: l’inappunabilità e l’apparente lentezza sono sicuramente qualcosa che colpisce; i contenuti e le parole, colpiscono anche loro.
    La pretesa di cavare un ragno dal buco non ce l’ho!
    Lo faccio continuare per la sua strada, prendendo e sottolineando quei punti che Tu hai posto in evidenza, come giusto.
    Vedremo!

    Un ben ritrovato a te e a quelli che conosco

    Ciao e “alla via così”!

    E.

    Mi piace

  29. Un governo fatto di soli tecnici. Senza politici dentro. Solo professori, economisti, personalità che godano di un’autorevolezza «universalmente riconosciuta», il più possibile non riconducibili a una parte o all’altra. E guidato da una persona di «indubbia credibilità nazionale e internazionale»
    Il governo «di nessuno», come qualcuno lo chiama, perché non essendoci politici, fa sì che non sia sulle spalle di nessuno, ma tutti vi si possano riconoscere.

    Forse molto nominato, segnato e segnalato, come Governo, appunto.
    Mi metto alla finestra, Dottore e intanto mi faccio qualche idea.
    La seguo.

    Buona sera.

    Mi piace

    • Buonasera Signor PickWick… vedremo che succede il prossimo 5 dicembre…
      Nel frattempo metto a bollire la pece e mi faccio venire qualche idea.
      Non credo dovrò attendere molto perchè le previsioni più nefaste si avverino….

      Cordialità

      Mi piace

  30. Politica e affini, politicanti tecnici…mi sa che a pensare male si indovina due volte…
    Non è vero che son razzista, è lui che è negro.
    Buonanotte e cordialità a Voi Milord e a chi ritrovo ….

    Mi piace

  31. Se, però, adesso ce lo consentite, vorremmo porre 39 domande al Presidente del Consiglio Sen.Mario Monti:

    STATO SOCIALE
    1) Lei crede sia umanamente possibile per un contadino, un muratore, un camionista, un elettricista, un barbiere, un metalmeccanico, un cardiologo, un infermiere, lavorare per più di 35 anni? E ancora: riesce a immaginare insegnanti di 67 anni che devono badare ad alunni la cui età può andare dai 6 ai 19 anni?

    2) Lei ritiene immorale, oltre che incostituzionale, il fatto che la maggior parte dei cittadini possa andare in pensione solo dopo decenni di lavoro per percepire un misero assegno, mentre un parlamentare abbia diritto a un sostanzioso vitalizio dopo soli 5 anni?

    3) Moltissimi pensionati, circa la metà, percepiscono mille o molti meno euro al mese. Ha intenzione di diminuire ancora questa cifra già così misera?

    4) Lei intende aumentare notevolmente il numero delle borse di studio in favore dei meno abbienti, oppure ritiene che solo i figli dei ricchi debbano potere andare all’Università?

    5) Lei ritiene che gli stipendi degli insegnanti italiani dovrebbero essere in linea con quelli, ben più alti, ad esempio, di Germania e Regno Unito?

    6) Lei ritiene immorale che un cittadino debba aspettare mesi, anche anni, per essere visitato da un ospedale pubblico, quando alcuni controlli andrebbero fatti urgentemente? Ritiene inoltre da paese civile il fatto che molte persone muoiano per ritardi nei soccorsi e mancanza di posti letto?

    7) Lei sa che un operaio spende anche 300 euro al mese in benzina e cioè un quarto circa del suo stipendio? Le sembra una enorme ingiustizia sociale?

    8 ) Lei ritiene che si debba continuare col taglio degli insegnanti, correndo così il rischio di avere classi da 35-40 alunni contenute in pochi metri quadrati? L’incolumità dei ragazzi è un valore imprescindibile?

    9) Lei ritiene che gli operai siano dei privilegiati e che i loro privilegi vadano dunque colpiti, oppure ritiene che la loro condizione economica e sociale sia divenuta talmente misera che andrebbe piuttosto migliorata?

    10) Lei ritiene che sia anticostituzionale il fatto che milioni di giovani guadagnino molto meno di mille euro al mese e che non abbiano alcun diritto (ferie, tfr, pensione, ecc.)?

    11) Lei ritiene che sia giusto stabilire un reddito minimo per i disoccupati? Ritiene inoltre, come me, che questo strumento possa essere utilissimo anche per combattere il clientelismo?

    MERITO, CONCORRENZA, TRASPARENZA
    12) Cosa intende fare perché i concorsi nella pubblica amministrazione siano davvero trasparenti e meritocratici? Pensa che dei canali web o dei canali tv interamente dedicati a questo comparto sarebbero utili a raggiungere gli obiettivi sopra indicati?

    13) Lei pensa che se i figli dei ricchi hanno sempre un ottimo impiego è perché il nepotismo in questo paese è dilagante, oppure perché i figli dei ricchi nascono più intelligenti? Se pensa che il nepotismo e il clientelismo siano due tragedie sociali, come ritiene possano essere combattuti concretamente?

    14) Lei ritiene che i dirigenti pubblici vadano scelti in base al curriculum o in base alle amicizie politiche? Ritiene, inoltre, che i loro stipendi, spesso a 5-6 zeri, siano eccessivi e dunque vadano ridotti drasticamente, magari stabilendo che non possano mai essere superiori a quelli dei parlamentari?

    15) Lei ritiene che occorra avviare processi di vera liberalizzazione per ciò che riguarda Farmacie, Notai, Medici, Avvocati, Giornalisti, ecc., in modo da migliorare la qualità dei servizi e abbassare drasticamente i costi per gli utenti?

    16) Lei ritiene che Brunetta abbia fatto un buon lavoro per ammodernare la p.a., oppure che la p.a. sia inefficiente come lo era negli anni scorsi?

    ABBATTIMENTO COSTI DELLA POLITICA E DEGLI APPARATI ISTITUZIONALI, LOTTA AGLI SPRECHI

    17) Lei, come me, pensa che il numero dei parlamentari possa essere ridotto di almeno due terzi senza che la democrazia ne abbia svantaggio alcuno?

    18) Lei ritiene che un compenso di 15.000 euro al mese per un parlamentare, più gli innumerevoli benefici (hanno praticamente tutto gratis), siano inaccettabili, specie in questo periodo di grave crisi economica, finanziaria e sociale?

    19) Lei intende diminuire drasticamente le spese militari, oppure ritiene che i costi dell’apparato militare vadano lasciati intatti e semmai aumentati?

    20) Lei ritiene che opere faraoniche e al momento frangente, inutili come il Ponte sullo Stretto vadano fatte o che sia decisamente più urgente e importante mettere in sicurezza un territorio, quello italiano, che è sempre più spesso causa di morte e distruzione? La seconda ipotesi comporterebbe investimenti ingenti e darebbe occupazione a centinaia di migliaia di persone: un modo anche per rimettere in moto l’economia, no?

    21) Lei ritiene che le spese per il Quirinale vadano diminuite e portate in linea coi costi delle presidenze della Repubblica e le monarchie della Ue?

    22) Lei ritiene che le auto blu possano essere diminuite del 70-80% in modo da portare l’Italia ai livelli degli altri paesi europei?

    23) Lei ritiene che i fondi europei per l’Italia siano stati in grandissima parte buttati e che dunque non abbiano minimamente contribuito allo sviluppo delle aree depresse? Se sì, cosa intende fare per cambiare rotta?

    24) Lei ritiene che il numero degli amministratori comunali, provinciale e regionali possa essere almeno dimezzato? Ritiene inoltre che i loro compensi, specie quelli dei consiglieri regionali, possano essere ridotti?

    25) Lei ritiene che si debba continuare a foraggiare la scuola privata, vista anche la carenza di fondi a disposizione di quella pubblica?

    26) Lei ritiene che si debbano cancellare da subito decine e decine di carrozzoni pubblici, costosissimi per le casse statali e utili solo a sistemare figli, amici, amanti ed elettori?

    27) Lei ritiene che le province, se non abolite tramite legge costituzionale, possano essere almeno dimezzate, visto anche il paradosso per cui alcune di esse ospitano milioni di abitanti mentre altre ospitano poche centinaia di migliaia di abitanti?

    GIUSTIZIA, EQUITA’ SOCIALE, DIRITTI UMANI
    28) In Italia le cifre sull’evasione fiscale sono abnormi. Lei ritiene che la colpa sia solo di chi evade, oppure che gli organi addetti ai controlli e i politici abbiano gravissime responsabilità?

    29) Il nostro paese è pieno di falsi invalidi che, statistiche alla mano, sono concentrati soprattutto al Meridione. Lei ritiene che occorrano leggi severissime che puniscano chi permette queste truffe, oppure pensa che le leggi e i controlli attuali vadano già benissimo?

    30) Lei ritiene che le morti nelle carceri italiani siano una tragedia e che vada fatto di tutto per capirne i motivi e agire di conseguenza?

    31) Lei ritiene che occorrono nuove leggi per combattere la mafia visto anche che negli anni si è modificata e che in buona parte, ormai, è formata dai cosiddetti colletti bianchi?

    32) Di chi è la responsabilità se in Italia il lavoro nero è diffusissimo, mentre in Francia, Germania, Regno Unito è un fenomeno assolutamente marginale?

    33) Lei ritiene che vada aumentato il numero degli operatori della giustizia, in modo da evitare che i milioni di processi in corso durino anche decenni? Ritiene inoltre, come me, che tale iniziativa rafforzerebbe la lotta alla criminalità organizzata?

    34) Lei ritiene che i diritti umani degli immigrati nei Centri di Permanenza Temporanea vengano rispettati oppure ha le stesse preoccupazioni delle associazioni che si occupano di questa problematica?

    POLITICA, DEMOCRAZIA, BANCHE
    35) Lei ritiene che le cosiddette leggi ad personam vadano subito abolite?

    36) Lei è preoccupato per il fatto che il Pdl, che ha sostenuto Berlusconi per tre anni e mezzo, è il principale partito che appoggia anche il suo governo? Perché dei parlamentari che fino a ieri non hanno volute fare le riforme utili al paese dovrebbero volerle oggi? Si ritiene più convincente e capace di Berlusconi in questo tipo di missione? Detto diversamente: pensa che avessero ragione i mercati a ritenere Berlusconi un incapace da rimuovere subito dal suo incarico di premier?

    37) Lei ritiene che la Rai debba essere, come è stata per mezzo secolo, il megafono del potere, oppure che vada completamente sottratta al giogo della politica?

    38) Lei intende rispettare l’esito dei referendum del giugno 2011, in cui gli italiani in massa hanno detto no alla privatizzazione scellerata dei servizi pubblici, oppure vuole ugualmente procedere alla privatizzazione dei servizi? E ancora: intende rispettare l’esito del referendum rispetto al nucleare?

    39) Il card. Bertone ha appena sferrato questo durissimo attacco alle banche: “La crisi economica pone in evidenza l’insostenibilità di un mercato totalmente autoreferenziale e solleva nuove questioni circa la responsabilità e l’etica dei processi finanziari”. È d’accordo con il cardinale, oppure è da considerare anche lui un complottista? E ancora: cosa pensa del fatto che milioni di italiani hanno perso gran parte dei loro risparmi per avere acquistato bond argentini e titoli Parmalat dalle nostre banche?

    Ritiene tutto ciò possibile, Signor Presidente?
    Cordialità

    Mi piace

  32. Sembra un secolo fa, quando la nascente nuova destra italiana denunciava scandalizzata l'”egemonia culturale” costruita dalla sinistra, e soprattutto dal Partito comunista italiano, nel nostro Paese. Erano invece poco meno di 20 anni fa: sì, nel secolo scorso, ma proprio quando questo volgeva al termine.
    Se è vero che i propagandisti più accesi di quella parte non hanno cambiato musica – ed è capitato anche di recente ascoltare le denunce sul controllo da parte della sinistra della scuola pubblica e, persino, dei mezzi di informazione -, basta leggere la lista del politicissimo “governo dei tecnici”, completata con il sapiente dosaggio “tecnico” dei sottosegretari, per avere un’istantanea del crollo di quell’egemonia, se mai vi è stata. Si fa fatica a trovare, nelle ricche biografie degli esponenti di governo, storie personali legate alla vicenda della sinistra.

    Che Fabrizio Barca, figlio di Luciano, storico dirigente del Pci, cresciuto come economista tra università, Banca d’Italia e importanti funzioni ministeriali, venga da quella storia, non cambia la constatazione: Politici? No davvero.
    E neppure la cambia il fatto che il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo, ingegnere con esperienze d’impresa e poi rettore del Politecnico torinese, abbia una simpatia democratica, tanto da essere stato indicato nel 2010 come possibile candidato sindaco di Torino dal Partito democratico. Chi l’ha detto che fanno politica? Solo perché ha fatto parte del CdA di Unidebit, pardon, Unicredit (Non era quella invischiata con Gheddafi? Sono tecnici!).
    Oppure che Il Ministro dello sviluppo e infrastrutture sia, il comasco, Corrado Passera che è stato tra i protagonisti della truffa al cittadino chiamata privatizzazione dell’Alitalia;amministratore delegato di Arnoldo Mondadori Editore e ceo del Gruppo Espresso-Repubblica (ma, caro Ninni, non sono antitetiche???); Ceo del Banco Ambrosiano Veneto (fallimentare) che lascerà dopo aver portato a termine il consolidamento con Cariplo; alla Cir (l’azienda di De Benedetti) in qualità di direttore generale (veniva chiamato il “tagliatore di teste” e non si capiva anche perché erano 54.000 dipendenti e adesso sono 700!!;Gruppo Olivetti dove è chiamato in qualita’ di co-amministratore delegato (Ho il sospetto che conosca De Benedetti);amministratore delegato di Intesa Sanpaolo e senza parlare, poi dei soldi esportati in Spagna dalla porta (investimenti quando era AD di POste italiane e rientrati dalla finestra, con un consolidatissimo guadagno. Rientrarono le quote, in italia di “Villa d’Este”! ottimo!

    Sono rimasta stupita e contrariata dalla “non” nomina, a ministro, di un rappresentante della C.E.I.
    Ci sono rimasta male.

    Un abbraccio, caro Ninni. Ho fatto i salti mortali per esserci.
    Saluto tutti (è proprio come rientrare in casa).

    Marisa

    PS: Concordo con il Sig, Vintrix (Ci sei anche tu, vedo. Chi ti ammazza a te?), Sig. Pickwick, lady Alessandra Bianchi, lady Emma Vittoria, le mie carissime amiche Ni Ghail e Hilde e sono stupita dalla presenza di Don Spollo (Francesco, ma non ti avevano internato?) più altri.

    Ciao

    Mi piace

    • Ben ritrovata LadyMarisa….
      Eh già.. qualche piccolo colpo di spugna o forse 39 schiaffi per cancellare la democrazia.
      E altro non rimane che un pasticcione da congelare.
      Poi, se in qualche modo ci affameranno lo si può sempre scongelare.

      Buonaserata e un caro saluto a tutti …

      Mi piace

  33. Preg.mo Sig. Vintrix
    è, per me, un grandissimo onore e piacere rivederla presso le umili – ma pulite – pareti di questa nuova casa.
    Leggemmo il Vostro apporto e concordammo, nella summa anche con Voi.
    Ci concedete un attimo per informarVi circa le strane bizzarrìe alle quali si assiste?
    Bene.

    Bizzarrìa:
    Rai uno: la suora, in trasmissione, ci informa che con il costo di una scatoletta di cibo per cani si sfama un bambino in un paese del terzo mondo.
    Io la informo, Preg.mo Sig. Vintrix, che con la dismissione dei beni del Vaticano e dello IOR si sfamano tutti i bambini e tutti cani i randagi del mondo per i prossimi cento anni!!!!

    Bizzarrìa
    Lo Stato Città del Vaticano, non paga (per convenzione e nel territorio della Repubblica) ICI, IRPEF, IRES, IMU, Tasse immobiliari e doganali, ma neanche Gas, Acqua e Fogne.
    Tutto, ovviamente, rimane a carico dei cittadini.
    Possiede, quasi, il 30% del patrimonio immobiliare Italiano e con l’8 per mille toglie 1 Miliardo di Euro, ogni anno, all’Italia.
    Giusto una “botta” di conti.

    Bizzarrìa
    In Parlamento, la settimana scorsa, i nostri parlamentari (tutti presenti, votanti e d’accordo) hanno approvato un emendamento, sulla cosiddetta “Legge mancia“, portando da € 50.000.000,00 a €150.000.000,00 il benefit relativo alla parte dell’indennità spettante ad ogni singolo parlamentare eletto nel proprio territorio di competenza.

    Sono ad augurarVi e dunque porgerVi, gratuitamente, il nostro bentornato e le nostre cordialità.
    Grazie

    Mi piace

  34. Delicatissima Miss Eleonora
    sappiate, gentilissima Signorina, che “non conoscere” è il primo passo verso la conoscenza (che non basta mai). Per questo Vi ammirammo!
    A proposito, leggeste le nuove “CATTIVERIE DELLA SERA“?
    Buon divertimento e grazie per essere, di nuovo fra di noi.
    Cordialità

    Mi piace

  35. Preg.mo Sig. PickWick,
    è, per noi, un grande onore poterla annoverare tra i lettori propositivi.
    Il “Governo del nulla“, dite?
    Effettivamente verrebbe da pensarlo, ovviamente dal punto di vista esposto da Voi.
    Credemmo che le intenzioni siano sul tavolo, magari buone, per chi deve sopportare l’onere del governo in questi frangenti.
    Abbiamo paura, però, che tali intenzioni non vengano usate.
    Al loro posto, peraltro, esiste il piano “B“: Stringiamo la pressa dello “spremiagrumi” qualcosa ci sarà!

    Vi ringraziammo per la Vostra acuta presenza, inviandoVi le nostre vivissime Cordialità.
    Grazie

    Mi piace

  36. Pregiatissimi,
    ci avete stupito.
    Avete, preziosamente scritto, un saggio socio-politico- culturale dell’attuale momento che, purtroppo, stiamo vivendo ed avete, anche, fornito delle soluzioni esaustive.
    In questa sede però vorremmo chiederVi:

    Ok, e in due parole?
    Magari spiegandocelo?
    Avemmo un malore nel seguirvi. Troppa preziosità, in questo umile Blog, ci uccide.

    Un grazie anche a Te, Gabriele, per essere venuto presso questa dimora e per essere, sempre, arguto.
    Che tu sia il benvenuto!

    Ciao

    Mi piace

  37. Lady marisa,
    non potevate scrivere di meglio.
    In pratica ci avete rubato la battuta!
    Rimando, dunque, al finale anche per Voi.
    Grazie per il Vostro sacrificio: Vi ricompenseremo come sappiamo fare: tre ettolitri di caffettini.

    Cordialità

    Mi piace


  38. Ecco a Voi il bravo, colto, democraticamente corretto e seriamente diplomatico, il Finlandese Olli(o) Rhen, salvatore e profondo conoscitore dell’Italia (perché non nominarlo cittadino italiano e fargli riscrivere la costituzione, il codice civile, penale e quello della navigazione? Con corredo, magari, di qualche buon ricettario di cucina (giusto per rendere contenta la nostra Lady Emma Vittoria), oppure, gli ultimi prezzi di listino valori delle “bare” e finimenti per funzioni funerarie, rendendo felici e attentissime la già indicata Lady Emma Vittoria e Lady Nighail?

    Ricevemmo molte email sulla questione pressante, a noi “sbattuta in faccia“, pardon, consegnata, da quel Signore in epigrafe.
    Beh, sappiamo di accontentare i molti.
    Ecco a Voi, Ladies and Gentlemen, le mirabili, pacate e diplomatiche 39, fatidiche, domande alle quali la Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha risposto con n.39 Obbedisco!, rigorosamente nell’atto della genuflessione e con occhi (e occhiali) bassi.
    Buon divertimento….


    Unione Europea

    1) Come premessa generale, indicare concretamente e dettagliatamente a che punto di approvazione o di applicazione risultano tutte le misure promesse nella lettera del 26 ottobre scorso. La manovra aggiuntiva

    2) Confermare l’ impegno a intervenire con misure aggiuntive specifiche in caso di deterioramento del ciclo economico e del deficit, come già la Commissione ritiene necessario per conseguire gli obiettivi fissati per il 2012 e il 2013. Privatizzazioni

    3) Dettagliare le privatizzazioni per 5 miliardi l’ anno e chiarire che sono al netto dei minori dividendi e del maggiore costo per gli affitti provocati dalle cessioni. Taglio al debito

    4) Specificare come si intende ridurre il debito a partire dal 31 dicembre 2011 con l’ assistenza dell’ annunciato apposito comitato. Età pensionabile

    5) L’ età pensionabile a 67 anni nel 2026 è sufficiente? Va adeguata l’ età pensionabile delle donne anche nel settore privato? Sono sostenibili le pensioni anticipate? Pareggio in Costituzione

    6) Come e in quanto tempo verrà inserito nella Costituzione l’ obbligo del pareggio di bilancio? La tassazione sui consumi

    7) Come verrà spostata la tassazione dal lavoro ai consumi e alla proprietà immobiliare?

    I fondi comunitari 8, 9, 10, 11,
    12) Come verrà migliorata l’ utilizzazione dei fondi comunitari e come sono considerate in bilancio le relative prospettive? In cosa consiste dettagliatamente e concretamente il piano Eurosud per lo sviluppo del Mezzogiorno?

    Gli insegnanti meritevoli 13, 14, 15,
    16) Come verranno ristrutturate le scuole con risultati insoddisfacenti? Come verranno valorizzati gli insegnanti meritevoli? Come migliorerà la competizione tra università? Cosa si intende per «più spazio di manovra» sui costi delle iscrizioni?

    Il lavoro delle donne 17, 18, 19, 20,
    21) Come verrà promossa l’ occupazione giovanile e delle donne? Come funzioneranno gli incentivi fiscali per le aree arretrate? Come verrà attuata dettagliatamente e quali benefici concreti porterà all’ occupazione la possibilità di licenziare i lavoratori dipendenti per motivi economici? Come funzionerà l’ intervento sui contratti para-subordinati e quali costi avrà? In quale modo verrà attuato l’ impegno di superare la frammentazione dell’ attuale sistema di sussidi di disoccupazione?

    Più poteri Antitrust 22, 23, 24,
    25) Come verrà rafforzata l’ attività dell’ Autorità per la Concorrenza? Dopo la nuova legislazione per la liberalizzazione nella distribuzione dei carburanti e nell’ assicurazione obbligatoria delle auto, come e quando si interverrà anche nei servizi postali, nella distribuzione dell’ energia, nell’ acqua (considerando anche lo specifico referendum), nei trasporti ferroviari, autostrade o aeroporti? Verranno davvero abolite le barriere di accesso alle professioni? Perché la lettera non garantisce l’ abolizione delle tariffe minime nei servizi professionali?

    26, 27,
    28) Come verrà favorita la capitalizzazione delle imprese? Come verranno trasformate le aree arretrate in zone di sviluppo? Come verranno stimolate la ricerca e le attività delle piccole e medie industrie?

    La semplificazione 29,
    30) Con quali misure specifiche avverrà concretamente la semplificazione burocratica e amministrativa (soprattutto per le piccole imprese)?

    Gli uffici pubblici 31, 32,
    33) Quando la commissione per la modernizzazione della pubblica amministrazione sarà completamente operativa? Come e quando saranno attuate le misure di mobilità e di flessibilità per i dipendenti statali, anche in relazione alla soppressione delle Province? Quali progressi concreti ha generato la riforma Brunetta?

    I tempi della giustizia 34,
    35) Con quali misure specifiche sarà migliorato il funzionamento della giustizia civile?

    Porti e aeroporti
    36) Qual è concretamente la politica del governo per le infrastrutture e le costruzioni in relazione a aeroporti, porti e trasporti eccezionali via strada?

    I costi della politica 37-38-
    39) In aggiunta a quella sul pareggio di bilancio, come verranno attuate nei dettagli le altre riforme costituzionali promesse? Fino a che punto risulteranno generatrici di risparmi nella spesa pubblica? Come avverrà concretamente la riduzione dei costi della politica attraverso misure come il minore numero di parlamentari? Come verranno rafforzate la governance e l’ attività decisionale del Paese intervenendo anche sul ruolo del governo e della maggioranza?

    Le 39 domande dell’Unione europea sono un vero e proprio colpo di stato.
    Da un lato sono un’irricevibile intromissione negli affari interni dell’Italia – si occupano addirittura della valorizzazione degli insegnanti – e dall’altra, se applicate, determinerebbero una profonda recessione economica e un deciso passo dell’Italia verso il disastro in cui versa la Grecia.
    Bruxelles (nella persona del bravissimo, coltissimo, espertissimo politologo tecnico economico finlandese Olli(o) Rehn – non si sa, al momento se ha conseguito la Licenza Elementare) che invece di fare diktat o di sponsorizzare governi tecnici dovrebbe obbligare la (tedeschissima) BCE ad acquistare direttamente i titoli di stato dei paesi europei, invece di lasciarli volutamente esposti alla speculazione finanziaria!

    Soddisfatti delle domandine subite e imposte?
    Cordialità

    Mi piace

  39. Caspita, caro ninni, come ai vecchi tempi! Mi fai ben sperare.
    Devo dire (per quello che concerne la mia parte) che la Bizzarrìa n. 2 e 3 mi ha sempre e da sempre colpito.
    Ci vorrebbe più coscienza, magari e magari un po’ di rispetto in più.
    Buona domenica (ho alcune cosa da preparare anch’io!).

    Un saluto per tutti e per tutti buona domenica.
    Ciao Marisa e ciao a chi conosco

    Mi piace

  40. Buon giorno Milord (oggi mi tocca).
    Ho letto tutto il corposo carteggio e mi sembra, proprio, che non manchi nulla. Devo dirti che, dopo tanto tempo, riesci ancora a stupirmi. E’ vero, osserviamo il mondo da una distanza di sicurezza e non ci avviciniamo mai per osservarlo per intero. Quello che viviamo, inoltre, non rispecchia mai, in tutta la sua totalità, quello che proviamo.
    Vorrei segnalare alcuni passaggi che mi hanno colpito profondamente.
    Diciamo che l’impostazione delle “39” domande da porre al Presidente del Consiglio, mi ricorda un po’ quelle che per mesi campeggiavano in bella mostra sul quotidiano “a Repubblica” (ne sai nulla? :)).

    1) Lei crede sia umanamente possibile per un contadino, un muratore, un camionista, un elettricista, un barbiere, un metalmeccanico, un cardiologo, un infermiere, lavorare per più di 35 anni? E ancora: riesce a immaginare insegnanti di 67 anni che devono badare ad alunni la cui età può andare dai 6 ai 19 anni?

    2) Lei ritiene immorale, oltre che incostituzionale, il fatto che la maggior parte dei cittadini possa andare in pensione solo dopo decenni di lavoro per percepire un misero assegno, mentre un parlamentare abbia diritto a un sostanzioso vitalizio dopo soli 5 anni?

    5) Lei ritiene che gli stipendi degli insegnanti italiani dovrebbero essere in linea con quelli, ben più alti, ad esempio, di Germania e Regno Unito?

    9) Lei ritiene che gli operai siano dei privilegiati e che i loro privilegi vadano dunque colpiti, oppure ritiene che la loro condizione economica e sociale sia divenuta talmente misera che andrebbe piuttosto migliorata?

    17) Lei, come me, pensa che il numero dei parlamentari possa essere ridotto di almeno due terzi senza che la democrazia ne abbia svantaggio alcuno?

    18) Lei ritiene che un compenso di 15.000 euro al mese per un parlamentare, più gli innumerevoli benefici (hanno praticamente tutto gratis), siano inaccettabili, specie in questo periodo di grave crisi economica, finanziaria e sociale?

    21) Lei ritiene che le spese per il Quirinale vadano diminuite e portate in linea coi costi delle presidenze della Repubblica e le monarchie della Ue?

    30) Lei ritiene che le morti nelle carceri italiani siano una tragedia e che vada fatto di tutto per capirne i motivi e agire di conseguenza?

    32) Di chi è la responsabilità se in Italia il lavoro nero è diffusissimo, mentre in Francia, Germania, Regno Unito è un fenomeno assolutamente marginale?

    Questo è quanto.
    Buona domenica Milord e un abbraccio.

    Saluto Nighail (sempre gentile) e tutti i compagni di viaggio).
    Per Marisa:
    Sì, diciamo che la tua frequentazione è stata basilare per il mio internamento. Sono bastati due o tre giorni e i sono disintossicato e mi hanno liberato sulla parola. Ho il sospetto, in quanto causa ed effetto, che adesso non faranno circolare te! 😀

    Spillo

    Mi piace

  41. Buon giorno Milord.
    Si si, ho letto le cattiverie della sera e devo dire che ci prendi.
    Anche il mio Babbo vuole partecipare ai dibattiti, l’ho sentito che ne confabulava con mamma che era come nervosa. Ieri ha provato per tutto il giorni a iscriversi a codesta piattaforma, sicchè l’è venuto un esaurimento nervoso. (intendo la Mamma).

    Buona domenica a tutti 🙂

    Eleonora

    Mi piace

  42. Si ho salvato anch’io tutto.
    Buona domenica, Ninni.
    Spillo:
    Come sarebbe che sei stato dimesso? Non sarebbe più appropriato usare il termine “dismesso”?
    Ciao anche a te Vin
    Buona domenica

    Marisa

    Mi piace

  43. Il presidente del Consiglio non si è impegnato su nessun punto, ha solo garantito “equità”. Ma qualche ritocco rispetto alle voci circolate sui giornali è possibile, anzi, probabile: intanto perché raccontano che lo stesso Quirinale sarebbe molto attento al tema della ‘giustizia fiscale’, ovvero colpire innanzitutto chi evade.
    Poi, perché, come ipotizza un dirigente Pd, “probabilmente le voci uscite sui giornali erano volutamente esagerate, per poi attestarsi esattamente dove voleva Monti, dando anche l’impressione di avere tenuto conto delle indicazioni dei partiti…”.

    Intanto Monti promette: “Sarò equo, scontenterò tutti in egual misura”!

    La seguo.
    Buona serata

    Mi piace

  44. Ho avuto la sensazione che anche qui, quei discorsi un po’ avventati sull’Italia, siano stati non visti bene.
    Almeno qui in Francia.
    Il Presidente, Monsieur Sarkozy, ha rilevato la “brutalità” e il modo un po’ barbaro di quel Signore che nomini. il finlandese.
    Tempi tristi, mon cher.
    tempi bui.
    Sulle rive della Senna sono aumentati i Clochard e per fortuna chele organizzazioni francesi umanitaires si sono mosse.
    Pensa: l’Esercito della Salvezza, che qui non ha mai chiuso e che era diventato un antico imulacro di buone intenzioni e nulla più, si è mosso.
    Fa freddo, molto freddo e il tempo è rigido e non certo clemente con gli esseri umani del bisogno. cerco, in ogni momento, di ricordare, alle mie figlie, quanto sia importante potere essere in pace con se stessi e al di fuori di qualsiasi maldicenza.
    Capisco quello che dici e capisco il senso e il sentimento di come lo dici.
    Anche io mi batterei per una giustizia migliore se fossi sul filo di un precipizio di cui non vedo il fondo.
    Qui esiste la percezione e anche la volontà di non finire i nostri giorni come lo stato di Grecia.
    L’Italia ha tanto da dare e tanta buona volonta.
    Grazie alle persone come te che, ogni giorno, sfidando i Signori potenti, ci fanno capire per sapere la nostra esistenza e il nostro diritto a determinare la nostra vita.

    Ti voglio tanto bene, mon cheri Milord.
    Oggi mi stringerò al grido d’aiuto dell’Italia (io sono italiana e ne sono fieramente contenta).
    Io vi comprendo…
    Au revoir a tout le mond..

    Je vais vous donner un baiser, le plus important que j’ai, avec l’espoir que les meilleurs moments peuvent venir.
    Je t’aime, mon chéri.
    Bisousssssss

    Annelise pour toi

    Mi piace

  45. E poi dicono che l’italiano non si interessa!
    Ecco un luogo dove stanno tuonandi i temporali e i fulmini saettano.

    Ninniiiiiiiiiiiiii eccomi (ho sentito, ieri, anche la Sonia e mi ha detto che si sarebbe registrata anche lei). Io sono qua! Foto nuova (una settimana fa): l’altra, quella su Splinder aveva almeno tre anni.

    Bene.
    La manovra sembra sia passata ed è già al collasso. Mister Sistemotuttoio vuole vuole vuole, per me non sa né muoversi, né attendere. Abituato alle salette Vip e Business; abituato al silenzio dei maggiordomi non si ritrova nelle stanze del Potere, dove le urla sono più forti che in un mercato ortofrutta.
    Si è preso una “bella gatta da pelare”.
    Affari suoi!
    Ma, nel frattempo, anche in emergenza, io credo stia facendo grossissimi danni. Non mi preoccupo eccessivamente: morto un papa, se ne fa un altro. La regola vale per lui e per tutti quelli come lui.
    Vampiro!

    Sono emozionata a tornare a scrivere per te!
    🙂

    Domandina:
    ma chi caxxo è questa donna perfetta?
    Ma nelle Marche ci sono donne perfette?
    Sylvania, Sylvia?
    Non lasciarti ingannare

    Adesso scappo, ma torno.
    Un bacio tesoro di un Milord.
    Saluto circolare per tutti.

    lamanucontenta

    Mi piace

  46. Dovrebbe essere così.
    Amore affetto e desiderio..

    Ci sono dolori che non si possono né evitare né cancellare.
    Esistono. Possiamo solo affrontarli, e cercare di fare di tutto affinché non ci devastino.
    Ma talvolta ci vuole tanto tempo.
    E non basta fare “come se” niente fosse successo perché la vita continui come prima.
    Perché, spesso, niente può più essere come prima, e si deve pian piano riuscire ad organizzare la propria vita in modo diverso.
    Come perdiamo una persona cara. Talvolta in maniera brusca. Talvolta in modo ingiusto e inaccettabile.

    Questa è dedicata a te, dolce Sylvania, regina d’altri tempi, pricipessa del mio cuore.
    Invenzione che non esisterai mai.
    Bionda e troppo perfetta, praticamente impossibile.

    Sei la donna che amo, la donna per la quale ho deciso di dedicare la mia vita.
    Ho fatto di te il mio ideale, ovvero lo sei sempre stata, sin dal primo istante, perché raccogli in te tutte le caratteristiche della donna che ho sempre sognato.
    Voglio vivere la mia vita, ciò che resta della mia vita, insieme a te.
    E sono certo dei miei sentimenti, non ho mai dubitato un minuto dei miei sentimenti per te.
    Ma non esisti, non ci sei.
    Assente e presente. Ora adesso in questo ristorante in riva al mare dove ti penso.
    Dove penso a te, donna inesistente.
    Donna che, in questo momento, sto pensando e che qua ho trovato nell’aria, nel cuore nel mio destino che, adesso, è inesistente.
    Perché ti penso? Davanti a questi spaghetti all’astice?
    Non so, ma ti penso.
    E ti penso dolce e cara.
    Ti penso vicino a me.
    Ti penso cinguettante come un uccellino sul mio cuore. Come un aforisma che colpisce.
    Come quella Grande Madre che mi ispira. Tu, freschezza, tu Sylvania.
    Tu Sylvia, unico mio amore inesistente e puro…
    Bionda, gentile come una caciottina tenera appena fatta.
    Ti amo come ti ho amato da sempre, per sempre

    All’unica donna che ho amato nei millenni, che amo e che amerò, perché non può esistere.
    Non per me.
    Dalla Trattoria La Quinta in compagnia di questa Sylvia, nella sua marina città, a quest’ora.
    Peccato che non esista.
    Peccato

    Il milord per Voi che appena finito rientrerà a Pesaro (turandosi il naso…mai vista una città peggiore)

    Ninni

    Liked by 1 persona

Volete partecipare alla discussione? Scrivete ed esprimete il Vostro parere, grazie.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...