Maria Gabriella

IN Memory
.
.
.
La prima stella,
una luce lontana
dentro la Galassia.
Oltre il mio mondo,
senza sapore o colore,
vuoto delle ultime
pieghe di un sorriso,
perduto per sempre.
.
Non ti ho mai dimenticata, Maria Gabriella.
Come vorrei poterti abbracciare ancora una volta  …
.
.
Annunci

64 pensieri su “Maria Gabriella

  1. Speri che l´alba ti svegli con dolcezza, che il tramonto abbi portato via quei brutti ricordi e momenti.

    Poi ti rendi conto che non é cambiato nulla, le delusioni aumentano,
    e pensi di immpazzire.
    Ricordi il tempo passato nel quale ti hanno rubato il cuore e l’anima… e con le lacrime agli occhi ti chiedi ma quando sono stata una bambina o ho avuto un’anima ?
    Mancano le carezze di una madre e di un padre o di un fratello …
    Questa é la tristezza che oggi regna nel mio cuore.

    Un abbraccio dolce Ninni.
    Buona notte

    In Memory

    Annelise

    Mi piace

  2. Piano gridavi e soffocando piangevi.
    L’alba giunse e ti portò via,
    in una nebbia mista a rugiada
    ti dissolvesti come polvere al vento.
    Non scorsi più le tue labbra,
    i lineamenti del tuo volto.
    Il ricordo delle tue carezze mi sfiorava
    ogni giorno, e lacrime di pietra
    cadevano, senza limite di tempo.
    Fissavo il cielo, vedevo il tuo volto
    nelle nuvole che fuggivano fugaci.

    (Drew Die)

    Sono affranta Milord.
    Un bacio e un abbraccio

    HG

    Mi piace

  3. Lo sapevo e volevo esserci, Milord.
    Triste appuntamento annuale con il dolore che, nel corso di questi anni ho fatto mio, grazie alla tua penna e che sento tanto.
    Il memorial di quest’anno (Maria Gabriella Memorial) non ha la forma di “Concorso di poesia o narrativa a tema … la Vita”.
    Lo hai sospeso?
    Ti so molto occupato e forse questo ne è il motivo.

    Dolore e tristezza sono la faccia di un’unica medaglia: quella della vita.
    Un abbraccio e un saluto ai tuoi lettori…

    Francesco

    Mi piace

  4. Buongiorno e buona domenica Milord.
    Buongiorno e una carezza anche dalla mia mamma che festeggio.
    Buongiorno, anche a Colei che è diventata nostra sorella e che tu, dolce Milord, ci hai insegnato ad amare: Maria Gabriella.

    Un abbraccio commosso

    Eleonora

    Mi piace

  5. Ho bisogno di silenzio
    come te che leggi col pensiero
    non ad alta voce
    il suono della mia stessa voce
    adesso sarebbe rumore
    non parole ma solo rumore fastidioso
    che mi distrae dal pensare.

    Ho bisogno di silenzio
    esco e per strada le solite persone
    che conoscono la mia parlantina

    disorientate dal mio rapido buongiorno
    chissà, forse pensano che ho fretta.

    Invece ho solo bisogno di silenzio
    tanto ho parlato, troppo
    è arrivato il tempo di tacere
    di raccogliere i pensieri
    allegri, tristi, dolci, amari,
    ce ne sono tanti dentro ognuno di noi.

    Gli amici veri, pochi, uno?
    Sanno ascoltare anche il silenzio,
    sanno aspettare, capire.

    Chi di parole da me ne ha avute tante
    e non ne vuole più,
    ha bisogno, come me, di silenzio.
    (Alda Merini)

    Nei limiti del “praticabile”, Le auguro buona domenica e le riserbo una calorosissima stretta di mano, caro Dott. Raimondi.

    Amedeo

    Mi piace

  6. L’incontro con l’anima, il cuore e l’essere.
    Caro Ninni, sai bene come io sia negata per la poesia, ma le tue parole mi fanno respirare Maria Gabriella, come sempre accade da quando se ne andò.

    Un abbraccio, sentilo forte …

    Lilli

    Mi piace

  7. Sa, Dottore, tutto è come quando si teme una data e “quella”, inesorabilmente, si avvicina.

    Le sono vicino, come sempre.
    Saluto tutti i suoi lettori.
    E per quanto “un po’ fuori luogo” … le auguro una buona domenica

    Furio

    Mi piace

  8. Come son pesanti i giorni,
    A nessun fuoco posso riscaldarmi,
    non mi ride ormai nessun sole,
    tutto è vuoto,
    tutto è freddo e senza pietà,
    ed anche le care limpide stelle
    mi guardano senza conforto,
    da quando ho appreso nel mio cuore,
    che anche l’amore può morire.
    (Federico Garcia Lorca)

    Mandai questa poesia, alla mamma di una mia antichissima fiamma, quando seppi della sua morte.
    Non l’ho mai dimenticata.
    Un abbraccio Milord

    Enrico

    Mi piace

  9. Quando, mi sono sempre chiesto, potrà mai avere fine l’impero di queste tenebre che ci lasciano ciechi, giusto quell’istante, per perdersi e mai più trovarsi?

    Non ho altro da aggiungere, mi creda.
    Le rinnovo, caro Dott.Raimondi tutta la mia stima, lasciando un caro saluto a quanti la leggono, apprezzandone le rigorose doti morali e umane.
    Buona serata.

    PickWick

    Mi piace

  10. SILENZIO

    Da quando ti ho persa,
    sono ossessionato dal silenzio;
    i suoni, le lor piccole ali s’agitano un attimo,
    poi all’onda s’abbandonano
    alla stanchezza,
    che dondola senza rumore.
    Sia che per strada la gente
    passeggi con monotono brusio
    o sospiri il teatro; e sospiri
    con un profondo respiro roco,
    o agiti il vento un groviglio di luce
    sul fiume nero, profondo,
    o gli ultimi echi della notte
    facciano rabbrividire l’aurora.
    Io avverto il silenzio che aspetta
    di poter bere tutto ancora
    nella sua estrema totalità, svuotando
    il rumore degli uomini.

    “D.H.Lawrence”

    *°*°*°*
    Ciao Maria Gabriella…

    Mi piace

  11. E’ sempre presto per l’ultimo viaggio,
    impavida l’hai affrontato.
    Noi non siamo migliori per essere rimasti,
    ma solo incoscienti.

    Possa la tua essenza librarsi libera nell’aria,
    nei boschi, sui mari e nei cieli rossastri.
    Quando rugiada tornerai o, semplice soffio,
    vibra ancora un istante,
    l’istante che racchiuderà una nostra consapevolezza.
    L’avorio velo, in adagio, non ha colpa.

    Le gentili pieghe della stoffa son proprie tue.
    Il respiro non serve e… sei ancora.
    La stessa luce che ti cerca non è più luce,
    i riflessi non riflettono e l’aria non capisce.

    Donati ancora, riequilibra le leggi,
    all’interno di quel mondo anche nostro che
    solo per una manciata di probabilità
    non conosciamo ancora.

    Laerte

    Un abbraccio … Gabriella

    Isabella

    Mi piace

  12. L’ultima buonanotte, prima della notte più buia.
    L’ultimo abbraccio, prima della sua assenza.
    L’ultimo pensiero, prima del vortice che questa vita ci regala,
    senza aver mai chiesto nulla.

    Una lacrima, su una lacrima, caro ninni, non sono due lacrime … ma una lacrima più grossa.

    Ti abbraccio con tantissimo affetto.

    Sony

    Mi piace

  13. Non l’assenza
    avrei desiderato,
    non questo Vuoto
    da un corpo occupato
    a volto scoperto.

    Non questa prigione
    in Terra di Nessuno.

    Mai vano ricordare
    chi eri, chi ancor sei;
    eppur dolore è
    che di nuovo si versa
    in triste calice
    a te brindando,
    concedendomi l’illusione
    che sian le mie lacrime
    alle tue unite.

    Carissimo Lord Ninni, non ti saranno balsamo queste parole vergate da mia mano incompetente, per cui accettale, se puoi, per quel che sono, l’omaggio d’un amico che t’è vicino e che sa.

    Con tanta stima e amicizia,

    beppe

    Mi piace

  14. Si ‘na femmena te lassa
    o te giura ammore eterno,
    hê ‘a penzà ca tutto passa,
    passa ‘a State e passa ‘o Vierno…

    E si ‘o tiempo va passanno
    accussì passammo nuje;
    passa n’anno e già nat’anno
    se presenta e se ne fuje!…

    È destino, e chella è ‘a legge;
    che vuò fa? hê ‘a tirà annanze;
    mo ‘nu poco te prutegge,
    po’ fa perdere ‘e speranze.

    E si spiere n’ata vota
    pe’ nun perdere ‘a partita
    hê ‘a girà comm’a ‘na rota,
    tutt”a vita, tutt”a vita!

    Ma ‘a sfurzata è troppo forte
    quanno hê perza ‘a giuventù:
    vene ‘ Vierno, vene ‘a Morte
    e te pierde pure tu…
    ( Antonino Alonge)

    E che vulite fà, Don Ninni, simme nate pè chiagnere e suspirà.
    Ma la vita, chesta cosa ‘bbrutta, continua pure per ricordarci che grande persona era Donna Maria Gabriella, grazie a Voi, mio Signore.

    Un abbraccio e una lacrima con dolore e compassione umana sincere.

    Dalla partenope Capitale

    Daniele (detto Dudù)

    Mi piace

  15. Pingback: Maria Gabriella | Iannozzi Giuseppe aka King Lear

  16. Io non sapevo ed ora ne sono a conoscenza, le tue parole toccanti raggiungono il cuore. La perdita di una persona cara è un evento che non muore con l’estinto, più trascorrono i giorni e più quella perdita scava l’anima. Ma questa è la vita, impone dolori che non vorremmo provare come il distacco da chi abbiamo amato e conosciuto. Lei sa di questo dolore e ti è vicino immensamente. Io ho una mia cognizione di vita, credo nel dopo che ci vedrà uniti e con questo pensiero la permanenza è meno dolorosa.
    Con stima e partecipazione.
    annamaria

    Mi piace

  17. Entrare è come soffrire dentro un silenzio che opprime la mente, all’interno del rumore quotidiano.
    Dare assenzio alle mie vene e oblio e pace al mio cuore.

    Un abbraccio, caro Ninni

    Marisa

    Mi piace

  18. Torno a porgervi il mio pensiero My Lord. Credo che non ci siano ne parole ne versi per poter lenire il Dolore della perdita. Quando si è vista la Vita nei suoi meandri più profondi questo Dolore diviene ancora più forte. Entra in un tutto che vive nell’Anima già trafitta da ricordi indelebili. Non so dirvi altro. So ch’è poca cosa ma mi unisco sinceramente al Vostro Ricordo.
    Cordialmente

    Mi piace

  19. Ecco una lacrima, ma anche una speranza.
    Ecco il mio cuore
    e quello che dentro c’é.
    Ecco tutto quello che ho in tasca,
    ma nel cuore ho un unico ricordo.

    Potessi esser morta,
    per essere amata
    di quell’affetto infinito
    che opaca e stravolge
    il significato
    della vita stessa.

    Un abbraccio Milord, con il cuore.
    bellissimo tutto quello che ho letto

    Lilly

    Mi piace

  20. … Quando nel Dolore si accende la Fiamma dell’intensità e dell’Eterno andare, c’è solo da ricamare i Ricordi … ancora e ancora … e lasciare che siano gli istanti pieni di vento e mare e parole, a restare nell’Anima.

    Il Canto non si può Perdere e nemmeno a ritornare mille e mille volte, può servire a placare quella sentenza di non ritorno.
    Eppure c’è qualcosa che resta … qualcuno, che sa come sorridere e rendere ogni ombra più luminosa di ieri … di ogni ieri ormai perduto.

    Ninni,
    conosco quel Dolore, passo dopo passo e se c’è un desiderio che non si placa è proprio quello di Abbraccio che non può più stringerci. Solo l’Ultimo ricordo di un Grazie e di una battuta semplice, fa da sfondo al pianto silenzioso del tempo che scorre, lento.

    I Miei Rispetti

    Ni’Ghail

    Slàn

    Mi piace

  21. L’usignolo

    E’ venuto alla fine.
    Per la quinta primavera.
    l’angelo del tramonto
    il messaggero invisibile
    distende il suo canto
    traboccante energia
    soltanto in assenza di luce:
    mistero inquietante
    per chi teme celata nell’ombra
    la fonte sicura del male.
    Ma son così dolci
    i suoi fasti canori
    così calmo e appagato il mio cuore
    per non crederli frutti di un Dio…
    L’anima spicca il suo volo
    e s’appunta sul ramo:
    Insieme cantiamo alla notte.

    Un abbraccio ♥ vany

    Mi piace

  22. Ecco, Milord. La mia tristezza di questi giorni (con il tempo un po’ brutto ho dolori forti alla gamba) coincide con la tua e allora mi chiedo se, per certi versi, oppure alcuni aspetti, Maria Gabriella, che dev’essere stata una donna eccezionale, mi chiami a se per spiegarmi un po’ come vanno queste cose.
    La vita per me è già una sofferenza, e non ne parlo più mio Lord. (li vedo sai? Li vedo che quando passo io, tutti i presenti toccano amuleti e recitano scongiuri e poveretti non hanno tutti i torti, magari).

    Allora, dolcissimo Lord Ninni, posso dirti che l’Inferno è qui! Tutto il male, l’Inferno è qui, minuto per minuto, attimo per attimo: un Inferno!
    Di là (e so che non sei un credente, anzi…) solo un Paradiso, qualsiasi esso sia.
    E allora, per amore e affetto mando un bacio a Maria Gabriella e forse … la invidio un po’.

    Ho parlato con il cuore, tra una lacrima senza alcuna speranza.
    Vi voglio bene a tutti!

    Elena

    Mi piace

  23. Allora capii che nell’anima, fin dalle sue prime origini,
    c’è stato un anelito alla luce e un impulso inestinguibile
    ad uscire dalla primitiva oscurità.
    (Carl Gustav Jung)

    Con la tua umanità, caro Milord, sei “luce e focolare”, … ma sei rigore e acquiescenza, … ma sei amore e dolore, … ma sei un incubo diventato sogno, … ma sei ….

    Con affetto e un abbraccione forte, mio Signore …

    Melissa T.

    Mi piace

  24. Se anche cantassi come gli angeli,
    ma non amassi il canto,
    non faresti altro che rendere sordi gli uomini
    alle voci del giorno e alle voci della notte.
    (Khail Gilbran)

    Ci sono Milord, eccome se ci sono.
    Buona giornata

    Marisa

    Mi piace

  25. Tempo da lupi in un tempo da lupo.
    La famiglia non c’é più e il lupo abbandona il branco.
    Il lupo diventa solitario.

    Buon giorno Lupo solitario.
    Buon giorno Milord.
    Non ho potuto fare a meno di leggere, nuovamente, tutto questo.
    Un abbraccio

    Luis

    Mi piace

  26. Dammi la mano
    non lasciarla
    sta sfuggendo.
    Corri troppo in fretta
    non guardi indietro,
    perdi l’equilibrio
    e non t’accorgi
    che ieri è passato
    ed già domani.
    L’oggi solo un attimo
    si perde in un baleno.
    Sorrisi e certezze
    era questo il momento,
    come si fa a tornare indietro
    se non s’avanza d’un passo.
    Il mio è anche il tuo tormento
    forse aiuterà
    quello che tutti chiamano tempo.
    Ma un’anima inquieta ha bisogno
    che il silenzio sia ora il suo bagaglio.
    Dammi la mano
    non ti accorgi
    che sta sfuggendo.
    (Patty Portoghese)

    Buon giorno Milord.

    M.

    Mi piace

    • Non esiste parola o gesto che possa ripagare il tuo cuore dalla bellezza e dall’onestà personale e intellettuale che hai sempre dimostrato.
      Ti voglio tanto bene dolce Milord.
      Saluto tutti.

      Paris, 17 Maggio 2012

      Annelise

      Mi piace

    • Buon giorno, caro Ninni.

      … di quello che fu il passato
      solo e addolorato …
      “.

      Grazie, amico mio, per “il cuore” e la faccia che metti in tutto. Riuscire a rendere “importante e irresistibile” anche un commento non è da tutti.
      Con tanta stima.
      Buon lavoro e buon giorno (ti so occupatissimo)

      Luis

      Mi piace

    • Buon giorno, Milord.
      Sono commossa e emozionata per la risposta che è, come nei migliori tempi d’oro, una poesia che terrò forte e stretta al cuore. (ho stampato tutto).
      La luce che ho raccolto, tra queste pagine, mi ha dato forza e quell’affetto che non si trova più, nemmeno per le strade tra compagni di scuola.
      Grazie per permettermi di scrivere qui e grazie a tutti per offrirmi comprensione e amicizia.
      E ..poi, un bacione a Maria gabriella.
      Un abbraccio, Milord.

      (Scappo a scuola)

      Eleonora

      Mi piace



  27. … nei suoi sogni di bambina …


    Preg.mo Sig. Furio

    Nei suoi sogni di bambina,
    il tempo, inevitabile segnalibro
    la fermò
    uccidendola.
    Il mondo,
    nella maturità,
    la incenerì
    dentro un vaso che,
    miserevole urna,
    ne accolse i suoi ultimi sogni,
    sorrisi,
    speranze
    e lacrime.

    Grazie mio Signore

    Mi piace



  28. … copriamo il cielo …


    Lady Orofiorentino

    Perché cercare, dunque,
    quelle ultime parole
    se furono dette,
    ripetute
    e forse maledette!
    Copriamo il cielo
    con la voce antica
    e vedremo le stelle
    che, oltre il tempo,
    ci guideranno all’oblìo.

    Vi ringraziammo, mia Signora

    Mi piace



  29. … chiudiam la porta …

    Chiudiam la porta,
    dell’umile magione,
    che il cor conforta
    e in dolcezza ne è cagione.

    Vi ringraziammo, gentilissime Ladies and Gentlemen.
    proseguiremo con i dovuti, nostri omaggi, a “tra un po’ “.

    Cordialità

    Mi piace



  30. … antiche finestre …


    Preg.mo Sig. PickWick

    Antiche finestre,
    su lontani mondi
    d’intonaco e cipria,
    confusi, per sempre,
    entro le braccia delle tenebre
    che acceca,
    perdendosi.
    Altro, rimane,
    fra le ferite di queste mani.
    Altro che, forse,
    mai vorrò osservare.

    Grazie mio Signore

    Mi piace

    • Preg.mo Dott. Raimondi,
      il suo essere “Signore” travalica i tempi in cui viviamo e la coscienza attuale in cui ci relazioniamo. Ne ho parlato, anche in trasmissione (non mi sgridi, la prego). Abbiamo bisogno di uomini come lei che, magari, possano occuparsi della “cosa pubblica” (ho detto anche questo).

      Le lascio la mia più grande ammirazione.

      Un saluto ai suoi amabili lettori.

      PickWick

      Mi piace



  31. … leviamo canti alla tristezza …


    Lady Emma Vittoria

    Leviamo canti alla tristezza,
    e che tra bende insanguinate
    rotolino nel fondo,
    più nero,
    della non-vita.
    Consapevole del soffio oltre il cielo
    abbandonerò tempesta e tuono,
    contro alcun suono,
    che pace o prece
    non ci sia grave!

    Grazie mia gentile Signora

    Mi piace



  32. … recinterò il mare …


    Lady Isabella

    Recinterò il mare,
    per donarlo a lei
    e strapparlo agli uomini.
    Avvolgerò bandiere,
    come colorati sudari,
    oltre le onde,
    per nasconderle
    alla vista del sole.
    Che tutta questa luce,
    non la svegli
    e le parole sussurrate,
    non allentino il suo sonno.
    Ella dorme,
    come l’angelo caduto;
    dorme sorridente,
    in silenzio:
    quello del ricordo.

    Grazie, mia Signora

    Mi piace

    • Lusingatissima Milord, è forse riduttivo. Solo poche volte ti ho visto rispondere con altrettante poesie (e tutte pertinenti e sentite) con tanto di corredo fotografico.
      Ecco il nostro milord, il sincero Artista.
      Ecco la migliore persona che conosco.

      Buona notte

      Isy

      Mi piace



  33. … vivo un ricordo e un risveglio …


    Lady Alessandra Bianchi


    Quella lacrima,
    oltre la spalla,
    caldo fiume
    senza posa,
    ha fatto scivolare,
    la mia spada,
    e mi ha scagliato
    nelle viscere di questa terra
    immonda.
    Tra queste sabbie,
    scure e nere,
    vivo un ricordo,
    e un risveglio.
    Oltre il tempo,
    dentro il mio cuore
    assente e prosciugato.

    Grazie Mia Signora

    Mi piace



  34. … con la vita è lo stesso per la morte. …


    N.H. il Gen.Erich Ludendorff

    L’appuntamento con la vita
    è lo stesso per la morte.
    Vivendo, moriamo ora per ora.
    Morire è, anche strappare qualche attimo
    e riflettere su chi era intorno.
    Per noi, non vale la riflessione.
    Noi, siamo già riflessi
    di uno specchio
    che imprigiona e respinge.
    Intimamente

    Grazie mio Signore

    Mi piace



  35. … ormai disperso tra le nevi del futuro …


    Ladies and Gentlemen, terminammo la seconda parte delle umili, ma doverose risposte alla vostra persona e ai vostri sentimenti, che difficilmente, potremo mai smettere dimenticare.

    Riprenderemo, con più forza, prossimamente (il lavoro ci chiama), ma divenne nostro preciso impegno risponderVi.
    Cordialità

    Mi piace

  36. Oltre questo piccolo granello di Infinito c’è la sentinella del Tempo, il suo sguardo è fiero e lieve, come se si posasse sulle Vite di ognuno con la Grazia di chi conosce sia il Viaggio che la Meta. A Noi che restiamo, per cercare di trovare un Senso ed un Destino; quella parola benevola giunge come un vento fra le foglie … a stento trattenuta fra i petali di un pianto silenzioso e senza lacrime … eppure l’Anima non perde un solo suono della sua Melodia Millenaria.

    Dura un Istante … poche sillabe sussurrate … ancora una volta è il giorno del Dolore, con una Ferita dal profilo scarlatto.
    Oggi è come piovere dietro ad un vetro, sfiorare le opacità dei ricordi per guardare al di là di un’Immagine affilata che punta dritta la centro del cuore.

    Freccia
    e Bersaglio.

    Centro Perfetto.

    Si Muore, pur continuando ad avere sorrisi per chi ci è Accanto … si Vive, pur restando nel mezzo della Tempesta.
    ___
    Ninni … siamo così piccoli di fronte ad ogni Addio, quasi trasparenti ed ignari di ciò che realmente ci conduce all’Eternità. Oggi è per quel Dolore che veleggia verso l’orizzonte …

    Un Caro saluto per Tutti
    I Miei Rispetti
    Ni’Ghail

    Slàn

    Mi piace

  37. Ho sempre pensato… meglio, ho sempre creduto che il dolore possa’ essere interpretato da chi l’ha provato. Non mi piace granche’ parlare di quelle che sono le mie esperienze personali, questo per una mia precisa scelta operata tanti anni addietro: posso pero’ dire che di perdite di affetti importanti ne so. Eppure si deve andare avanti, anche in rispetto di chi ci ha lasciati: spetta a noi che siamo qui oggi onorare la memoria di chi fu, affinche’ l’amore possa eternarsi e non ridursi a spettro dolorifico.

    Carissimo Lord Ninni, ti abbraccio forte, come un fratello

    beppe

    Mi piace

  38. Ripasso per un pensiero….
    Anche oggi il nostro dolore quotidiano. Dalle tue parti, caro Milord, sono state aperte le porte da Nemesi per vendicarsi di cosa, poi? Quanti disperati …

    Un abbraccio Ninni

    Mi piace

  39. Pingback: L’usignolo (in memoria di Maria Gabriella) | di RomanticaVany | Iannozzi Giuseppe aka King Lear

  40. Pingback: L’usignolo (in memoria di Maria Gabriella) | di RomanticaVany |

Volete partecipare alla discussione? Scrivete ed esprimete il Vostro parere, grazie.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...