Delos

.

Titolatura

.

Cordialità

.

Annunci

19 pensieri su “Delos

    • Patrizia M.

      certamente, mia signora. Vien da riflettere, però, sul fatto che malgrado la buona volontà siamo fermi allo stallo.
      Dall’era Berlusconi, passando per quella in loden di mr.Monti a concludere fino a mr.Renzi, siamo fermi al palo.
      Ancora più pesantemente se si considera che, oltre a tasse, tassine assassine e tassette il debito pubblico non da cenni di volersi fermare. Anzi …

      Sorge spontanea la domanda: ma con tutti i salassi che subiamo, il debito pubblico aumenta?
      Non rallenta?

      Busillis …
      Abbiate le nostre migliori cordialità, lady Patrizia e l’augurio per un sereno fine settimana.
      Cordialità

      Mi piace

  1. Forse meglio sarebbe preferire una solitudine il più perfetta possibile, lontano da quei mondi che ci invadono con la loro falsa umanità e civiltà. Essere un asceta che degli uomini e delle sue beghe non si cura, pensando soltanto a crescere in pensiero.

    Un forte abbraccio da questi tempi devastati, caro Lord Ninni

    beppe

    Mi piace

    • Iannozzi Giuseppe

      amico mio, addirittura un “asceta”?
      Mah.
      Basterebbe, forse, un po’ più di serenità esterna per poter godere di quella “interna e interiore”.
      Non trovi?
      Un abbraccio

      Ninni

      Mi piace

      • Caro Amico mio,

        e che altro sennò? Però bisognerebbe avercela davvero la vocazione per farsi monaco e ritirarsi dal mondo che accoglie e produce schifo. E però non ce l’ho la vocazione della santità, nemmeno una supposta, indi per cui mi tocca di lottare contro i mulini a vento, ben consapevole che alla fine saranno loro a vincermi. E nell’intanto aspettare che questo tempo buio finisca. Come ne “La peste” di Camus: la natura che falcia buoni e cattivi, con metro più giusto di quello che per qualcuno è invece castigo divino. Di divino c’è che la natura, prima o poi, si ribella per difendere la vita, anzi la Vita. Continuerò dunque a lottare contro i mulini a vento. Continuerò ad aspettare. In fondo anche la follia è una forma di santità: a suo modo lo è, imperfetta, a misura d’uomo, ché l’uomo è davvero cosa piccola nel Creato.

        Ci hanno tolto la serenità esteriore e interiore, persino l’ombra della serenità. Chi ci comanda oggi? Pochi vassalli e valvassori, e c’hanno sempre loro la ragione, perché a dirgli che non è giusto finisci male, morto stecchito in qualche buco di galera, o peggio ancora.

        Pessimista? Forse solo realista.
        Continuerò ad aspettare sperando di veder la fine di questi tempi sì bui.

        Un forte abbraccio

        beppe

        Mi piace

      • Caro Beppe,
        come si evince dai fatti “recenti”, ormai, siamo e rimaniamo ostaggio della “finanza internazionale”. Non ci si nasconde più: anche il presidente di Bu.Ba. ce le suona e tuona. E neanche tanto velatamente!
        Certo, in alcuni passaggi – magari – certe battute se le poteva risparmiare. Ma la sostanza non cambia: a loro si, a noi no!
        Assistiamo, proprio in queste ore, ai combattimenti dietrologici sul: “tu l’hai detto. No, l’hai detto tu!“.
        Credimi, se non fosse per il momento estremamente tragico (giusto ieri ne parlavo con un carissimo amico: la lotta tra Delrio e Padoan: l’uno guarda sereno – l’altro dice che siamo al default per settembre.) ci sarebbe da trarre, a piene mani, tanta di quella ironia e satira da far ridere l’Universo per i prossimi cent’anni.

        Hai voglia a dire che, tanto, noi non siamo l’Argentina.
        Per l’appunto, dico io.

        Almeno il bel paese sudamericano è abituato ai default (se mai ci si possa abituare al fallimento dell’intero sistema locale, con lacrime e fame), come ai colpetti di testa. Noi? Beh, noi, come italico pueblo siamo abituati a tirare a campare.
        A tirare la carretta che vada bene o male, tanto, domani è un altro giorno.
        Vedi, amico mio, assistiamo con un malefico ghigno di sottofondo, all’avverarsi delle parole del presidente Andreotti: non abbiate paura, l’uomo politico, qualunque uomo politico, più in alto sale più si allontana.
        Abbiamo assistito all’ascesa brillantemente e velocemente del “presidente del Consiglio” (anche lui, in ottemperanza alla recente tradizione italica, mai votato dal pueblo!).
        La mia paura, come ben potrai immaginare, è la paventata caduta precipitevolissimevolmente.
        E il pueblo rimarrà a guardare al suono del mandolino e davanti a un piatto di maccaroni.

        Ti stimo

        Ninni

        Mi piace

    • Marco

      Mah!
      Pessimistica?
      Credemmo che, almeno fino ad adesso, ci sia poco da essere ottimisti.
      (Senza voler analizzare, anche, gli ultimi fatti degli ultimi giorni).
      Uno sbando, milord.

      Cordialità

      Mi piace

Volete partecipare alla discussione? Scrivete ed esprimete il Vostro parere, grazie.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...