Elsa

.

Elsa

.

Quando Elsa Stalinich entrò nella stanza numero undici dell’hotel Thurn und Taxis, il suo amante la stava già aspettando, nudo, a letto. La luce del sole si insinuava tra gli edifici rossicci della Piazza del Mercato di Bayreuth, filtrava tra le tende, attraversava il tappeto e lambiva le lenzuola, in un fascio preciso, una secante perfetta.
Elsa registrò la scena con assoluta indifferenza.
“Sei in ritardo” fece notare lui.
Elsa non rispose. Si spogliò come un automa. La camicetta cadde a terra, poi la gonna. Si liberò della biancheria intima e volse lo sguardo, trattenendo il rancore, verso quell’uomo che la attraeva in maniera oscura e inspiegabile. Passò in rassegna la stanza: riconobbe la macchia azzurra vicino all’armadio, la lunga crepa nella parete, la bruciatura della lampada a gas. E pensò che l’abitudine non è né una sensazione né un sentimento, ma qualcosa di fisico.
Elsa sapeva che nei suoi confronti lui provava solo desiderio di possesso, di sottomissione. Questa consapevolezza la metteva a disagio. Eppure non poteva fare nulla per evitare l’appuntamento settimanale all’hotel Thurn und Taxis. Ci aveva provato molte volte. Ripensò al giorno in cui aveva ordinato alla cameriera di chiuderla a chiave nella sua stanza.
“Non aprire. Nemmeno se dovessi implorarti di farlo.”
“Come, Frau Stalinich? Perché mai dovrei chiuderla dentro?”
Elsa si era legata con le lenzuola alla testiera del letto. Si era ripromessa di rimanere lì fino a quando le campane della cattedrale di Bayreuth non avessero suonato mezzogiorno. Quel giorno non ci sarebbe andata. Ma, passate alcune ore, poco prima delle dodici, come un lupo attratto dalla luna piena, aveva sciolto i candidi nodi, si era rivestita, e, con voce impostata, aveva mentito alla cameriera, chiamandola dalla finestra: “Apri la porta, è tutto a posto”.
Subito dopo, Elsa era uscita, aveva percorso le vie di Bayreuth come se il diavolo le stesse alle calcagna, era entrata dalla porta sul retro dell’hotel, aveva salito le scale di servizio ed era entrata nella stanza dove il suo amante l’aspettava con impazienza.
L’aveva conosciuto quello stesso anno: il 1900. Bayreuth aveva dato il benvenuto al nuovo secolo con grandi festeggiamenti. Ogni specie di indovini e ciarlatani aveva previsto la fine del mondo: dicevano che era scritto nelle profezie di Nostradamus, nella Bibbia, nel Corano, che tutti i testi concordavano sulla data. Ma il primo gennaio il Sole, la Luna e tutti gli astri avevano seguito tranquillamente il loro corso.
Il primo incontro era avvenuto domenica 13 maggio, Elsa non lo avrebbe mai dimenticato. Come spesso accade nelle relazioni più complicate, tutto era cominciato nel modo più semplice. Stava prendendo un tè in una caffetteria vicino alla Antontrasse, il viale intorno al quale si sviluppa la Neustadt. Al suo fianco, un uomo sorseggiava un caffè.
Elsa aveva percepito come un richiamo. L’aveva guardato. Prima, senza farsi notare. Poi, in modo più aperto. Non ricordava esattamente chi avesse iniziato la conversazione, che fu banale, scontata. Lui non era affatto attraente e per di più aveva l’aria vagamente infastidita.

Lo sconosciuto, da parte sua, si era reso subito conto di aver attratto l’attenzione di Elsa. Il suo interesse era così ostentato che si chiese se volesse giocargli uno scherzo di cattivo gusto, magari estorcergli denaro. Ultimamente, tutte le sue relazioni erano state a pagamento. La sua naturale tendenza alla misoginia si stava accentuando in modo preoccupante. Quella sconosciuta, però, era diversa. Era stata la paura, non il desiderio, a spingerlo ad agire. Aveva sentito freddo prima di aprire bocca, un freddo tagliente come il ghiaccio. Ma l’incantesimo agiva su di lui e su di lei con la stessa irresistibile intensità. Non fu la sua volontà a parlare, ma la sua storia e il suo destino: “Conosce l’hotel Thurn und Taxis? Martedì prossimo, a mezzogiorno e mezza, l’aspetterò nella stanza numero undici”.
E se ne era andato come se fuggisse.
Elsa l’aveva guardato sparire tra la gente. Aveva annotato giorno, ora e luogo dell’appuntamento su un pezzo di carta. Che poi aveva strappato, provando repulsione verso sé stessa. Aveva trascorso i giorni successivi nell’inquietudine, abbassando lo sguardo ogni volta che il marito le chiedeva qualcosa, confusa quando era sola. Aveva cercato di dimenticare l’incontro con lo sconosciuto, l’appuntamento; l’intera faccenda era semplicemente assurda, doveva cancellarla dalla mente. Ma il martedì era arrivato puntuale e Elsa, con la testa vuota e il cuore accelerato, come una sonnambula che obbedisce a ordini misteriosi, si era diretta al luogo concordato.
Avevano fatto l’amore in modo triste e vuoto.
Il misterioso amante non le aveva chiesto nulla. Non aveva voluto sapere se fosse sposata oppure no, se vivesse a Bayreuth o se fosse di passaggio per un soggiorno alle terme di Heiligenstadt, se appartenesse a una famiglia agiata, se provasse un qualsiasi sentimento nei suoi riguardi o se fosse una specie di ninfomane.
“Martedì prossimo, stessa ora, stessa stanza” aveva detto, soffocato da un vago senso di colpa, con Elsa tra le lenzuola, respinta anziché amata.
Si era ripromessa di non tornare.
Ma era tornata. Ogni martedì. Settimana dopo settimana.
All’inizio era un mistero. Poi, un’abitudine. Alla fine, una forma di simbiosi. Una simbiosi della quale entrambi ignoravano il perché e sulla cui esatta natura entrambi, separatamente, si interrogavano.
La risposta era nella pelle dell’amante. I suoi pori contenevano minuscole e invisibili tracce del liquido nero che genera tante passioni.
Un fluido scuro e denso dal potere illimitato.
L’inchiostro.

Nacque la scrittrice e morì fra le sue braccia

Annunci

27 pensieri su “Elsa

  1. Milord siete un vulcano.
    E’ bellissima.
    Un verismo e un’aria che tocca le corde della psiche.
    Avete descritto i luoghi e la storia con una maestria molto rara.
    Tra l’altro io a Bayreuth ci sono stata più volte ed è proprio come l’avete descritta.
    Incantatissima di poter corrispondere con voi.
    Grazie e buona sera

    Anna

    Mi piace

    • Vi ringraziammo, mia signora.
      u verismo? probabilmente una analisi sarebbe un po’ più corretto. Provammo a viaggiare tra le misetrie umane e tentare di scoprirne gli anfratti.
      Si fece avanti Elsa.
      Coime dirle di no?

      Grazie milady e buona domenica

      Mi piace

  2. Elsa è “la letteratura” in chiave moderna.
    Un po’ artista e un po’ puttana, ma sempre appassionata.
    Si scrive, quasi, senza pensare come guidati da un destino ineluttabile.

    Oh Ninni

    Ciao e buona serata

    Mi piace

    • Sì, è vero e corrisponde a verità.
      La chiave moderna di lettura della ” letteratura moderna” viene relegata all’analisi letteraria di un lavoro. Probabilmente, però, il simbolo parla molto di più di mille parole, non trovate?
      Grazie e cordialità

      Mi piace

  3. Ma sai che mi piace proprio milordissimo del mio cuore?
    Appena mi leggi puoi accendere Skype, per favore? Ho un’urgenzina che ti ho anticipato per @mail.

    Bisoussssssssss mon cheri..

    🙂
    Mel

    Mi piace

    • Grazie, miladyssima della nostra esistenza.
      Eravamo con il tablet, che però non si collegava al “satellite”. Poi accendemmo il Wimax che però non sicollegava al satellite “concordato”, allora mettemo in uso “l’ombrellino”, ma che si collegava al satellite coreano… e poi …
      Beh, in due parole, stavamo per divorare – dalla rabbia – qualsiasi e qualsivoglia apparecchiatura elettronica.
      Un subordine ci saremmo messi a ballare, a talloni uniti, sui resti in plastica.
      Skype acceso, satellite taiwanese in funzione e pazienza tanta.

      Salùt mia signora e salutateci Parigi

      🙂

      Mi piace

  4. Sembra quasi di leggere L’amante di lady Chatterly.
    Un’ambientazione soft e molto romantica di fine siecle.
    Bello proprio e credo che sia un’ispirazione tardo romantica tedesca, la più bella per la letteratura.
    Grazie milord, non potevo fare a meno di leggere.
    Un bacio e ciao

    Mi piace

  5. Un finale che mi ha spiazzata. Che metafora!
    Le passioni possono divenire droga e possono annientare, annullare uccidere. Meglio non viverle? Ma sono le passioni che fanno girare il mondo. Tentare di dosarne l’intensità senza perdere il filo dell’esistenza e’ forse la giusta chiave.
    Buona notte, Lord.

    Mi piace

    • Buongiorno a voi lady Marirò.
      Le passioni, mia signora, sono una droga proprio. Alcune volte sono allucinatorie e altre distruttive.
      Convenimmo che furono proprio le passioni leva e motore del mondo e dell’Umanità. Senza di esse tutto diventa nullo.
      Non trovate?
      Grazie per il vostro intervento, con preghiera di salutarci la vostra splendida terra.

      Cordialità e buona domenica.

      Mi piace

  6. Dunque l’inchiostro sarà davvero così potente? Dietro questa vicenda ci sarà anche altro. Comunque un bel racconto.
    Mi è piaciuta l’ambientazione e i riferimenti a lupi mannari, la data che inganna rendendolo un possibile racconto di vampiri…
    Invece ad essere “dark” è solo la china.
    Bello.

    Mi piace

    • Certamente, mia signora.
      L’inchiostro, arma, droga o strumento altro, è potentissimo. Si è sempre detto che ne uccida più la lingua che la spada e in effetti è vero. L’importante è sapersi armare convenientemente per difendersi e offendere con le medesime misure.
      I vampiri, mia signora, non esistono soltanto nei racconti favolistici, ma anche nella realtà. Portano nomi diversi e vanno combattuti soltanto in un modo: Nessun buonismo, affetto e tantativo di recupero. Vanno impalati con un paletto di frassino accuminato, dritto filato al centro del loro universo.
      Quella è la loro natura e a nulla vale il fascino del sorriso, dell’intelletto, dell’amicizia o altro.
      Sono così e basta.

      Grazie mia signora e buona domenica

      🙂

      Liked by 1 persona

  7. Elsa, un nome fatale a quanto par.
    Un racconto che è ambientato dentro le strette vie dela vita. Una vita fatta di tante piccole cose, segreti, disfatte e misfatti.
    Sai analizzare proprio bene, caro milord.
    Buongiorno e buona domenica

    Susi

    Mi piace

    • Cosa rimane nella vita vissuta per la scrittura, quando la mente non riesce più a discernere se il dubbio esistenziale è forte o e debole per raffrontarsi o meno?

      Grazie del vostro intervento mia signora.
      Abbiate un significativo saluto

      Cordiality

      Mi piace

  8. Ecco cosa mi piace di voi, milord mio signore, l’arte di raccontare per immagini sia essa poesia o prosa, la vita e il suo significato.
    Una profondità assoluta che prende e colpisce.
    Unnbacio e buona domenica

    Mi piace

    • Ecco cosa ci piacque di voi, mia signora: arrivare al nocciolo della questione e significare, con sintesi e senza enfasi, qualsiasi cosa vi passi per la mente.

      Grazie milady e buona domenica anche a voi

      Mi piace

  9. Di letteratura si nasce e si vive, ma si può morirne.
    Una malattia che può essere bella e più bella di uno sfondo sessuale.
    Milord mio signore che splendido racconto….
    ma … ma… io sono rimasta in attesa del nuovo capitolo del romanzo…
    Un bacio e buona domenica

    Tua Eleonora

    🙂

    Mi piace

    • Di letteratura si può morire milady.
      Si schiatta proprio. ma noi siamo combattenti, vero?
      Vi accontentammo, miladyna del mio cuore. Il VIII del U-Boot è confezionato e pronto all’uso.
      Abbiate una serena domenica

      Mi piace

Volete partecipare alla discussione? Scrivete ed esprimete il Vostro parere, grazie.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...