Due chiacchiere: L’ultimo samurai

.

L’Ultimo Samurai
Al capitano del settimo cavalleggeri (si, quello di Custer) Nathan Algren viene offerta la possibilità di andare in Giappone per addestrare le truppe dell’imperatore all’uso delle armi da fuoco, munificamente offertegli dagli Stati Uniti. Tre anni di paga per sei mesi di lavoro e la possibilità di allontanarsi dagli incubi di sempre, un’occasione unica.
Ma Nathan in Giappone troverà molto di più di quello che si aspettava. Katsumoto un samurai che si ribella al progresso forzato, lo cattura, costringendolo a vivere nel suo villaggio per più di sei mesi. Nathan studiando il suo nemico imparerà a rispettarne usi e costumi, fino a trasformarsi lui stesso in un samurai, almeno nello spirito e capire che c’è più affinità tra lui e Katsumoto, di quanta ne abbia avuta con il suo mondo.

Un film epico in cui il regista Edward Zwick, non nuovo a questo tipo di pellicole fin da Glory, riesce a fondere il dramma del conflitto interiore con la lotta che si consuma sui campi di battaglia. L’abilità del regista è indiscutibile e traspare sia dalla scene d’azione, sia nella sapiente miscela della storia che non perde mai il giusto ritmo. Inoltre, la scelta di creare una pellicola senza artifici elettronici, per poter restituire emozioni forti agli spettatori, recuperando un gusto antico, ha richiesto notevoli sforzi a cominciare dall’organizzazione e la preparazione partendo dalle location sparse in mezzo mondo (Giappone, Nuova Zelanda, Stati Uniti), attraverso un casting che ha privilegiato le etnie locali fino al protagonista, Tom Cruise, che ha iniziato un allenamento di quattro mesi prima delle riprese per acquisire la necessaria pratica nell’uso della spada.
Il successo finale va comunque ricercato nell’universalità dei temi come lottare per un ideale ed avere un senso dell’onore che porti comunque a rispettare i propri nemici, ma anche nel forte impatto emotivo e nella capacità di trascinare lo spettatore all’interno della storia.

Curiosità: il carattere giapponese kanji che appare su poster, magliette e locandine, non significa samurai, ma “bushido” (la via del guerriero).

La chicca: la colonna sonora è stata composta da Hans Zimmer (lo stesso de Il gladiatore) ed è la sua centesima.

La frase:
Tu pensi che un uomo può cambiare il suo destino?
Io penso che un uomo fa ciò che può finché il suo destino si rivela.”

Indicazioni:
Per chi ama il cinema delle emozioni forti.

.

.

30 pensieri su “Due chiacchiere: L’ultimo samurai

  1. Piacevole e fluida questa recensione, essenziale ed efficace nell’ esprimere i significati esistenziali tema del film ‘L’ ultimo Samurai’.
    In occidente è risaputo il carisma della figura del samurai, ma, spesso, senza approfondimento.
    Al genio del regista Edward Zwick, il merito di aver realizzato un film che, con scene autentiche e verosimili senza effetti suggestivi artificiosi, fa seguire appassionatamente il protagonista nella sua evoluzione interiore che lo farà approdare all’ equilibrio tra la propria interiorità fatta di coscienza, sentimenti ed ideali ed il mondo esterno di situazioni, favorevoli o sfavorevoli, e di propri simili, amici o nemici. È un controsenso l’ egoismo, inteso nel suo senso più negativo, dal momento che si è nati in un mondo popolato: il rispetto per il prossimo dovrebbe essere una regola scontata ed istintiva.
    Le vostre risorse, Caro Kren, sono infinite: siete anche un eccellente critico cinematografico (ciò, era già comunque risaputo).
    Grazie, con l’ Immensa Stima ed il profondo Affetto che sapete.

    Maria Silvia
    Vostra Sil

    Piace a 3 people

    • Maria Silvia

      Bushidō significa, letteralmente “la via del guerriero” o, meglio, “la morale del guerriero”
      Generalmente in occidente il Bushidō viene confuso con le Arti Marziali in genere, ma in realtà le racchiude e, al tempo stesso, ne costituisce solo una minima parte. Semplificando, il Bushidō è un “codice etico e morale” che sottintende ogni aspetto della vita di un Bushi (questo è importante sottolinearlo, non tutti i guerrieri seguivano il Bushidō, anzi…).
      Il Bushidō tradizionale si basa su 7 principi di base ai quali il Samurai doveva scrupolosamente attenersi e che dovevano condizionare ogni aspetto della propria esistenza:

      Onestà e Giustizia
      Eroico Coraggio
      Compassione
      Gentile Cortesia
      Completa Sincerità
      Onore
      Dovere e Lealtà

      Dall’applicazione di questi principi nasce la figura del Samurai, la cui esistenza ruotava attorno al totale rispetto dei valori di onestà, lealtà, giustizia, pietà, dovere e onore, valori che devono essere perseguiti in ogni istante della vita, fino alla morte.
      Proprio la morte, in realtà, gioca un ruolo fondamentale nella vita del Bushi, nonostante l’apparente paradosso.
      Ripoprto, a tal fine, alcuni passi dell’Hagakure (Yamamoto Tsunetomo 1538-1618):

      “In linea di massima il fondamento della via del
      Samurai è la risoluta accettazione della morte.
      Conoscere gli altri è saggezza
      conoscere se stessi è illuminazione.
      Dominare gli altri è forza
      dominare se stessi è superiorità.
      Ricco è colui che basta a se stesso.

      Sono vent’anni che pratico il Kendo (Uso della spada giapponese, la Katana), abbinato al Tae Kwon Do e ne sono entusiasta davvero.
      Grazie mia signora, siete speciale.
      Cordialità

      Kren
      Antonmaria

      Piace a 1 persona

      • Kren, Vi sono particolarmente grata per avermi risposto specificando il significato ed i principi del Bushidō. Ciò a beneficio anche degli altri lettori.
        Dovrebbero essere tutti un po’ samurai, ma in occidente, io penso, il progresso e le ingiustizie sociali troppo hanno inficiato la coscienza il pensiero ed il comportamento umano.
        Esaminando punto per punto i principi del Bushidō e considerando l’ attuale società, vien da sorridere (per non dire che ci sarebbe da piangere). Poi, Kren, esiste una persona come Voi e si spera che non siate il solo ad essere osservante di valori di moralità giustizia e coerenza e che, per ciò, il mondo possa migliorarsi con l’ esempio contaminante.
        Ho avuto modo di dirlo in precedenza: a Vostra insaputa, Caro Kren, insegnate tanto. Ed è prioritariamente l’ umiltà a fare la ‘grandezza’ di un uomo come Voi.
        Grazie, detto con cuore riconoscente.

        "Mi piace"

  2. Un uomo alla deriva.
    Ha rischiato la vita per lealtà verso il suo paese, ma dagli anni della guerra civile il mondo è cambiato.
    Il pragmatismo ha preso il posto del coraggio,
    l’interesse personale prevale sul sacrificio
    il senso dell’onore non esiste più, soprattutto nel west, che conosce bene per aver avuto un ruolo nelle guerre contro gli indiani, che lo hanno lasciato disilluso e angosciato.

    Ecco la tua umanità in una recensione perfetta.
    Grazie Ninni

    Annelise

    Piace a 1 persona

  3. un mondo in piena conflittualità tra la frenetica corsa alla modernità tecnologica e commerciale voluta dal nuovo e giovane imperatore e la cultura millenaria di un popolo dedito alla filosofia e alla guerra ideologica dei samurai

    Bello davvero

    "Mi piace"

    • Spillo

      Il codice dei samurai fu messo per iscritto solo tra il XV e il XVI secolo da Tsuramoto Tashiro.
      Tashiro trascrisse infatti i precetti del Bushido, così come gli erano stati insegnati dal monaco-guerriero Yamamoto Tsunetomo, in un testo.

      L’Hagakure, in cui raccolse le regole di condotta dei Bushi, arricchendole con le dottrine del buddismo, del confucianesimo e dello shintoismo.

      "Mi piace"

    • Isabella Ozieri

      Credere che si debba essere felici per il solo fatto di vivere, pur conducendo un’esistenza orrenda, è un modo di pensare da schiavi; pensare che sia piacevole avere una vita ordinaria e confortevole, è il modo di provare emozioni degli animali; gli uomini, però, diventano ciechi pur di non vedere che non vivono e non pensano da esseri umani.

      Grazie per esserci

      "Mi piace"

  4. I samurai combattono per le tradizioni e per l’Imperatore a cui sono fedeli fino alla morte e contro gli ideali occidentali del commercio e della tecnologia, voluta da politici e generali opportunisti.

    Una bellissima recensione Ninni
    Buona giornata

    "Mi piace"

    • Maxim

      La gente si agita davanti a un muro buio e sogna di comprare lavatrici elettriche e televisori, aspetta con ansia il domani anche se esso non porterà a niente.
      C’é qualcosa che stona con il vivere.
      Grazie per ave scritto

      "Mi piace"

  5. Un sogno che si avvera, il sogno di un adolescente.
    ‘L’ultimo samurai’ è il film che ho sognato da sempre..
    ‘Avevo trent’anni quando ho visto per la prima volta ‘I sette samurai’ di Akira Kurosawa e da allora l’ho rivisto infinite volte.
    In quel film c’era tutto quello che dovevo imparare a livello di racconto e drammatizzazione di un tema.
    Dopo aver visto L’ultimo samurai, ho deciso di studiare il Bushido.
    La ringrazio per questa preziosità.

    Buona giornata
    Furio

    "Mi piace"

  6. Bellissimo.
    Quando l’ho visto sono rimasta colpita dal fatto che non c’é bisogno di bestemmie, pornografia o altro per avere un film ottimo, pieno di significati e di una morale stringente.
    Sei un grande Ninni Samurai

    Che bello il post di oggi.
    Ciao

    Loredana

    "Mi piace"

  7. Milord, in questi mesi vi ho seguito, come sempre, anche se non lasciavo commenti. Il Vostro scrivere è sempre una meraviglia che aiuta a vivere.
    Il film di cui parlate è un’opera d’arte che risveglia valori ormai finiti nel nulla.
    Avete scritto:
    Onestà e Giustizia
    Eroico Coraggio
    Compassione
    Gentile Cortesia
    Completa Sincerità
    Onore
    Dovere e Lealtà…
    Ciò che ognuno di noi dovrebbe sempre avere nel cuore al di là di qualsiasi modo di vita. io ci credo ancora e ci crederò sempre.
    Grazie del vostro scrivere.
    Ricordo con affetto quando avevamo la possibilità di condividere lunghi commenti.

    Vi auguro ogni cosa bella
    Sempre vostra, nel rispetto che vi porto

    Giovanna

    "Mi piace"

    • Giovanna Orofiorentino

      Come tutti sanno, il sapore della gloria è amaro.
      Non sappiamo sino a qual punto sia sincera la nostra riluttanza a compiere certe azioni
      Penso che l’essenza di un’azione pura consista nel raggiungere lo scopo dopo aver sfiorato l’abisso dello scacco

      Valori importanti che, nel quotidiano, spendiamo e rifiniamo nella bellezza della vita.
      Dobbiamo fare molta attenzione a non squalificarla nei significati più profondi.

      Gentile Cortesia
      Completa Sincerità
      Onore

      Sono principi imprescrittibili, così come insegnato nell’Hagakure (Yamamoto Tsunetomo).

      Vi ringraziammo per aver scritto.
      Si, ricordiamo, anche noi la condivisione degli antichi scritti che, come da voi stessa affermato, si alimentavano soltanto con adeguate commentazioni che Voi, lady Giovanna, non lasciaste però, ultimamente.
      Vi augurammo mille cose felici e l’augurio che, questa nostra, possa trovare anche Vostro marito Gianfranco, in splendida forma e salute.

      Abbiate le nostre cordialità

      "Mi piace"

  8. Il senso morale che questo insegnamento offre è veramente alto.
    Un film, che condividendone la recensione, offre tanto in un panorama arido di egoismo e di arroganza.
    Sì, un film grande che offre tanto e ci regala un insegnamento profondo: la compassione è degli elementi superiori, non per i mediocri.
    Grazie caro Ninni milord.
    Con profonda stima

    Anna

    "Mi piace"

    • Anna Blu

      La vita umana è strutturata in modo tale che soltanto guardando in faccia la morte possiamo comprendere la nostra autentica forza e il grado del nostro attaccamento alla vita.

      Grazie per aver scritto

      "Mi piace"

  9. E di tutto questo, te lo confesso, mi ha presa alla gola, con un’emozione incredibile, la scena finale dove. l’esercito avversario si inchina davanti ai Samurai riconoscendone il valore.
    Non potevi trovare mezzo migliore per dare una lezione morale di grandezza d’animo e rigore di giustizia a te che, uomo con un profondissimo senso di giustizia, non potevi mancare con questo insegnamento di onore e compassione.
    Grazie per questo grande insegnamento, faro e luce per chi ti leggerà.
    Grazie milord

    Loredana

    "Mi piace"

  10. So bene che non sei un credente, ma con questo post e soprattutto con il riferimento che porti, la morale, la giustizia, ti sono stati suggeriti da Dio.
    Un brano, una recensione che affascina e rende schiavi della bontà.
    Grazie milord

    "Mi piace"

    • Seamur

      La bellezza della carne, la bellezza spirituale, tutto ciò che concerne la bellezza nasce solo dall’ignoranza e dalle tenebre.
      Non è consentito sapere e conservare la bellezza.

      (Hagakure, Yamamoto Tsunetomo)

      Grazie per aver scritto

      "Mi piace"

    • Franci Mira

      Viviamo in una società angusta, tentando di non entrare in conflitto tra noi, di armonizzare i nostri egoistici interessi per vivere piacevolmente. E tuttavia nel nostro animo vive una segreta insofferenza per questo tipo di morale, soprattutto nei periodi in cui la pace dura da lungo tempo a causa di un governo che non sento mio
      (Hagakure)

      Grazie per aver scritto

      "Mi piace"

Volete partecipare alla discussione? Scrivete ed esprimete il Vostro parere, grazie.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...