Mille Aghi III: Mordono

. . Mordono Non c’era sentiero, ma solo roccia scoscesa. Pochi metri di roccia frastagliata, interrotta qua e là da ciuffi di salvia che crescevano stenti sul terreno arido. Poi ancora protuberanze, sporgenze dentellate di pietra nuda, dalle quali talora sporgevano infidi cespugli spinosi, striminziti, che non offrivano alcun appiglio. Bisognava fare affidamento soltanto sui…

Bil’am ultima parte

. .   Gli sembrava ancora di percepire quello straordinario potere invisibile (un “campo di forza” l’aveva definito più tardi uno dei tecnici, mentre lui malediva i proiettili che avevano irrimediabilmente distrutto il congegno) che lo aveva inchiodato, completamente inerme in quell’angusto passaggio, troppo lontano dalla cupola per sperare che una pattuglia potesse soccorrerlo. Era…

Bil’am

. .   Bil’am, dall’ebraico Balaam, profeta di Moab. La sua storia è nella Bibbia, al libro dei Numeri. “Rappresentano la continuazione sul piano subconscio del conflitto mentale e morale nell’anima di Balaam; e l’apparizione nei sogni e la somarella parlante non sono altro che un ulteriore avviso a Bil’am (Balaam) perché non si faccia…

Mille Aghi III: L’Abito

. . L’Abito — Questo è un caso per te — annunciò con fare disgustato l’ispettore Nynn. — Un altro di quelli strambi. Io ero in ritardo e con il fiato corto. In James Street ero rimasto chissà come bloccato dall’annuale sfilata dell’Associazione Commercianti del Centro e, per un po’, avevo temuto di dover passare…

Mille Aghi: Aiuto!

. . . Ieri notte ho fatto uno strano sogno. Una voce di donna mi diceva: — Scusi se ho interrotto il suo sogno precedente, ma ho un problema urgente, e solo lei può aiutarmi. Sognai di risponderle: — Non occorre che si scusi; non era un granché come sogno, e se posso esserle utile…

Mille Aghi: L’offerta!

. . . — Cerchiamo di non dire stupidaggini — disse il Diavolo, senza scomporsi. — Non le occorre nessuna prova, e neppure la vorrà mai, se ci pensa un momento. Il generale White annuì, molto lentamente. — Ha ragione — mormorò dopo un poco. — È come un… un’emanazione, una sensazione. Qualcosa d’insolito… —…